Monolith Grows! «Black and Supersonic» (2018)

Monolith Grows! «Black And Supersonic» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
13.12.2018

 

Visualizzazioni:
343

 

Band:
Monolith Grows!
[MetalWave] Invia una email a Monolith Grows! [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Monolith Grows! [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Monolith Grows! [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Monolith Grows!

 

Titolo:
Black and Supersonic

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Andrea Marzoli :: Vocals, Guitar
Enrico Busi :: Bass, Backing Vocals, Synth
Massimiliano Codeluppi :: Guitar
Riccardo Cocetti :: Drums

 

Genere:
Prog Stoner Rock

 

Durata:
36' 16"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
08.06.2018

 

Etichetta:
Burning Wax Productions
[MetalWave] Invia una email a Burning Wax Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Burning Wax Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Burning Wax Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Purple Sage PR
[MetalWave] Invia una email a Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Purple Sage PR

 

Recensione

Positivo secondo album per i Modenesi Monolith Grows!, che dal nome fanno chiaramente un genere musicale derivante dallo stoner, ma definire questa band solo con questo nome sarebbe riduttivo visto che il tocco compositivo della band esalta la poliedricità stilistica, che nella fattispecie si condensa nella bella “Ultraviolet in the clear sky” un inizio in levare quasi djent con un ritornello decisamente più canonico e ipnotico, che ridà quasi sul grunge, per una accoppiata così inconsueta, ma che funziona così bene. Ma questa dicotomia compositiva non è l’unica componente di questo disco: i MG infatti spaziano molto come mood tra i brani, passando da una rockeggiante “Satan Monday Bureau” al mood astratto della quinta e settima canzone, finendo per il mood terso ma con un gran crescendo in “Silly gods”. Stupiti? Anch’io, a dir la verità, ma sinceramente questo è ciò che si sente in questo “Black and supersonic”, un album che lascia stupiti per la naturalezza con cui questi ragazzi padroneggiano i generi musicali piuttosto che esserne schiavi, rendendo questo disco un bel caleidoscopio umorale, dove la frammentazione ritmica costituisce una parte rilevante e avvincente del songwriting che salta da queste partiture ad altre più stoner classiche, e il tutto per un suono finalmente non troppo saturo di bassi e troppo impostato sulla pesantezza del sound fine a sé stessa, e che francamente fa più da luogo comune del genere che da tratto distintivo delle bands.
In conclusione: “Black and supersonic” dei Monolith Grows! è un disco avvincente, fortemente consigliato a chi cerca sonorità sperimentali ma non astruse o, peggio ancora, intellettualoidi e ritoccate al pro tools.

Track by Track
  1. You're gone 75
  2. Ultraviolet in the clear sky 80
  3. Satan monday bureau 80
  4. Interlude With Synths And Clean Guitars - Intermezzo S.V.
  5. Here comes the hero 75
  6. Silly gods 80
  7. So fresh! 75
  8. Low 75
  9. About the doubts 80
  10. Empire of dirt 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 13.12.2018. Articolo letto 343 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.