Infinita Symphonia «Liberation» (2018)

Infinita Symphonia «Liberation» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
20.11.2018

 

Visualizzazioni:
226

 

Band:
Infinita Symphonia
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Infinita Symphonia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Infinita Symphonia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Infinita Symphonia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Infinita Symphonia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Infinita Symphonia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Infinita Symphonia

 

Titolo:
Liberation

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Luca Micioni - Vocals
Gianmarco Ricasoli - Lead Guitar & Backing Vocals
Alberto De Felice - Bass & Backing Vocals
Ivan Daniele - Drums

 

Genere:
Melodic Power Prog Metal

 

Durata:
1h 0' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.12.2018

 

Etichetta:
My Kingdom Music
[MetalWave] Invia una email a My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di My Kingdom Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ecco a parlare degli Infinita Symphonia che, verso inizio dicembre, faranno uscire il loro terzo full length Liberation attraverso My Kingdom Music su digipak e in formato digitale. Per rendere più piacevole l’attesa, la band ha fatto uscire a inizio novembre il primo singolo completo di video ufficiale , e lo fanno con un grande video ufficiale, ma andiamo con ordine dando prima un ascolto a questo grande nuovo lavoro.
Iniziamo con Hope, una sorta di intro ben fatta con suoni elettronici e la tastiera; a seguire, The Time has Come: un brano valido sotto il profilo melodico grazie a un buon lavoro vocale e una musica stile Ayreon.
Never Forget è la song di cui accennavo sopra, quella con il primo notevole ospite del disco: Ralph Sheepers. Si presenta accattivante con la chitarra martellante, potente, rimane comunque sulla scia di un metal pulito e non appesantito. Passiamo a How do you feel, la quale si caratterizza per un sound più old school, piuttosto anni ottanta, ma resta comunque piacevole da ascoltare e abbastanza articolata da catturare pienamente l’attenzione dell’ascoltatore.
Coma è particolare sotto tanti punti di vista: la voce si destreggia tra note basse e alte in un sottofondo più cupo, la struttura stessa della song è difficile da decifrare e necessita di più ascolti per essere compresa appieno.
A Silent Hero potremmo definirla quasi come una ballad ritmata che alterna momenti di quiete a passaggi più forti e decisi, devo dire che il risultato è molto interessante anche grazie all’apporto incisivo del grande Blaze Bayley.
Be Wise or be fool è veloce, piena di spunti e di sperimentazioni, non la mia traccia preferita dell’intero disco, nonostante l’importante collaborazione di Alessandro Conti, ma è assolutamente un’opinione personale.
A New One torna su sonorità più melodic metal: azzeccata l’introduzione di una voce femminile che dona maggiore risalto al tutto, valido anche il ritornello molto catchy che in sede live sarà sicuramente una carta vincente. Don’t Fall Asleep Again inizia quasi come una preghiera, si sviluppa comunque con energia dando ampio spazio alla chitarra e ai derivanti riffoni che ci fanno irrimediabilmente scuotere i capelli.
Eccoci a Liberation con il suo potenziale elevato grazie alla sua struttura chiara e ben studiata, la tecnica dei vari musicisti si fa sentire, la coerenza tra testo e musica lascia il segno e rende il complesso decisamente moderno nel sound. A chiudere questa opera, Q&A un’outro strumentale che si arricchisce di elementi elettronici senza abbandonare le sue radici metallare, un calo del sipario riuscito bene nonostante la durata di oltre undici minuti.
Libération è un disco completo, a tratti complesso, ma talmente ricco di elementi che persino chi non ama il power/melodic lo troverà interessante. Sin dall’inizio di percepisce la direzione di questo lavoro, l’intensità della musica scritta, suonata e cantata, non è un caso che persino le tracce di introduzione e conclusione siano così ben fatte. Le collaborazioni presenti non le cito neanche perché parlano da sé, spendo due parole però per la cover che ho trovato coerente ed evocativa come poche. Nulla da aggiungere, se non che vi consiglio vivamente di ascoltare Never Forget e decidere se vale l’acquisto. A mio parere, sì, decisamente ci sta.

Track by Track
  1. Hope 85
  2. The Time has come 85
  3. Never Forget 85
  4. How do you feel 85
  5. Coma 85
  6. A Silent Hero 85
  7. Be wise or be fool 75
  8. A new one 85
  9. Don't fall asleep again 85
  10. Liberation 85
  11. Q&A 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
85

 

Recensione di reira » pubblicata il 20.11.2018. Articolo letto 226 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.