Northwoods «Wasteland» (2018)

Northwoods «Wasteland» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
18.11.2018

 

Visualizzazioni:
110

 

Band:
Northwoods
[MetalWave] Invia una email a Northwoods [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Northwoods [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Northwoods

 

Titolo:
Wasteland

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alvaro Diamanti :: Vocals, Guitars
Federico Mazzoli :: Bass
Andrea Gentili :: Drums

 

Genere:
Noisecore

 

Durata:
24' 40"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Shove Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Anubi Press
[MetalWave] Invia una email a Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anubi Press

 

Recensione

Gran bel primo full length (credo) per i Perugini Northwoods, che con questo “Wasteland” ci propongono 24 minuti e mezzo di una musica hardcore costantemente influenzata da riffs disarmonici e quasi mai melodici, che tagliano corto con le stranezze del Post HC, e che invece vanno dritto al punto, che non si scordano di andare tirati, e che riescono a suonare inquietanti, a volte assordanti, da cui probabilmente le influenze noisecore che la band si auto attribuisce.
E “Wasteland” è così, poco da dire, con una musica che sin da “Ground Zero” ti investe con dei riffs disarmonici alla Benighted e che creano una cappa che non ti danno respiro e sotto la quale i Northwoods ti fanno stare per tutta la durata dell’album. E questo anche quando l’attacco sonoro diventa leggermente più moderato come in “City 40” e la sua seconda parte spettrale, o addirittura si lascia andare a un vago senso melodico in “Detachment”, dove la melodia seppur scomposta rende il brano più ragionevole e dove inoltre i ritmici si fanno notare anche loro per il loro lavoro, anche se il brano migliore è senz’altro “Asylum” secondo me, a causa di riffs davvero ossessionanti (specialmente all’inizio) che rendono il brano un po’ più fruibile, ma non meno grezzo e malvagio.
Insomma: “Wasteland” mi ha stupito. Onestamente non mi aspettavo molto, visto che tanti fanno questo genere ma con risultati che alla fine o poco fanno per schiodarsi dal canovaccio hardcore, o suonano fin troppo lavorati e overproduced, ma questo disco è la prova che non bisogna mai disperare, per me. Se siete fans di questo stile di musica, nonché di sonorità contorte, grigie o disarmoniche, l’acquisto di questo mese deve essere questo “Wasteland” dei Northwoods.

Track by Track
  1. Ground Zero 75
  2. Moebius 75
  3. City 40 80
  4. Asylum 85
  5. Strength Path 80
  6. Future is a Shadow Line 75
  7. Detachment 85
  8. The witness 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 18.11.2018. Articolo letto 110 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.