The Sticky Fingers Ltd. «Point of View» (2018)

The Sticky Fingers Ltd. «Point Of View» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
18.11.2018

 

Visualizzazioni:
120

 

Band:
The Sticky Fingers Ltd.
[MetalWave] Invia una email a The Sticky Fingers Ltd. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Sticky Fingers Ltd.

 

Titolo:
Point of View

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Lorenzo :: Vocals, Guitar;
- Jesus :: Guitas, Backing Vocals;
- Jaypee :: Bass;
- Flash :: Drums;

 

Genere:
Rock'n'Roll

 

Durata:
49' 13"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Sneakout Records
[MetalWave] Invia una email a Sneakout Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sneakout Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sneakout Records
Burning Minds Music Group
[MetalWave] Invia una email a Burning Minds Music Group [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Burning Minds Music Group

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Atomic Stuff
[MetalWave] Invia una email a Atomic Stuff [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Atomic Stuff

 

Recensione

Dopo un primo ascolto mi ero già fato una mezza idea di questo “Point Of View” dei modenesi The Sticky Fingers Ltd., una band che, seppur formatasi oltre vent’anni fa e cambiando nome, rilascia oggi il proprio secondo disco su base hard psichedelic rock convincendo ma non troppo. Il disco richiama moltissimo un sound di matrice rock blues anni ’70 facendo venire in mente, forse anche per la proposta del clean vocale, band quali Beatles e Rolling Stones ovviamente rivisitate in chiave moderna con l’inevitabile influenza di altre band a noi più vicine. Il sound del disco pare essere moderno e nel complesso suonato a regola d’arte senza miracoli particolari; dall’ascolto di tanto in tanto in effetti pare emergere qualche sbavatura percepibile in minima parte ma a lungo andare, in ogni caso, può anche risultare non percepibile la cosa anche se in alcuni momenti il contenuto del lavoro potrebbe un po’ stancare soprattutto se non si ama particolarmente un genere come questo. Abbastanza positive nel complesso sono le parti più melodiche e la discreta espressività del clean vocale. I brani sostanzialmente si diversificano l’uno con l’altro offrendo quella giusta dose di divertimento senza mai ripetersi in andature e annessi melodici. Il disco in definitiva, merita apprezzamenti per quella vena retrò che significativamente incide sull’intero lavoro riportandoci alla mente glorie oramai definitivamente perdute.

Track by Track
  1. Bad Mood 65
  2. You Don't Have To Go 70
  3. Hope You Like It 70
  4. Be Your Man 75
  5. Shine 75
  6. Underdog 70
  7. I'll Go Alone 65
  8. Misery 65
  9. North Star 75
  10. Naked Soul 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 18.11.2018. Articolo letto 120 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.