Necroart «Caino» (2018)

Necroart «Caino» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Fleshrequiem »

 

Recensione Pubblicata il:
01.11.2018

 

Visualizzazioni:
138

 

Band:
Necroart
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Necroart [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Necroart [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Necroart [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Necroart

 

Titolo:
Caino

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Max - Pain Propaganda
Davide Z.: Torture machinery
Filippo : Carnal razorblade
Daniele : Bleeding Scourge
Paolo: Hammer of doom
Franko : Drone Kommander

 

Genere:
Avantgard Extreme Metal

 

Durata:
45' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
30.11.2018

 

Etichetta:
The Goatmancer Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

I Necroart sono attivi dal 1999 e paiono ahimè non aver avuto la minima intenzione di invertire la rotta riguardo le proprie sonorità, infatti se le son trascinate fino ai giorni nostri con lo spiacevole risultato di tornare nel cretaceo del black metal, qualcosa che forse andava bene negli anni in cui questa band ha mosso i primi passi, ma che sentirla riproposta nel 2018 fa francamente cascare le braccia. Sono molto molto simili ai Marduk di Legion (la voce sembra fargli il verso), senza nessuna sorpresa, particolarità, ingegno... E' un pò triste essere faccia a faccia con questa tipologia di lavori poichè denotano un'assenza disarmante di ispirazione, cura e mancanza di stile e dirlo è difficile.
Il songwriting è scarno, modestissimo, direi quasi elementare; non c'è proprio nulla che possa destare un minimo di attenzione, sà tutto molto di surrogato, una sottomarca dei gruppi di punta svedesi e purtroppo non ho veramente nient'altro da aggiungere salvo che alla lungà annoierà.
In tutta onestà non mi sento di promuoverlo; la promozione per cosa? Anche intro e outro........................................ma sforzarvi un pò di più no?
Non è avanguardia, non è progresso, advangarde de che? Advangarde si presume debba essere musica che osa, che rompe gli schemi, anti-convenzionale e non pezzi in cui ti viene da pensare "ecco, adesso arriva il blast"
No mi spiace, ci vuole ben altro per emergere.

Track by Track
  1. March Of The Ghouls S.V.
  2. An Invocation For The Hrned 55
  3. Mastodon Rising 60
  4. Caino 65
  5. Bringer Of Light 50
  6. Flames 50
  7. Wound On Angels Wings 65
  8. One IS ALL, All IS One 55
  9. Into The Maelstrom S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 40
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
56

 

Recensione di Fleshrequiem » pubblicata il 01.11.2018. Articolo letto 138 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.