Plan E «Bassonova» (2006)

Plan E «Bassonova» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Barbaro »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
796

 

Band:
Plan E
[MetalWave] Invia una email a Plan E [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Plan E [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plan E

 

Titolo:
Bassonova

 

Nazione:
Finlandia

 

Formazione:
Jani Lehtosaari - bass and vocals
Ilari Kinnunen - bass
Lene Leinonen - bass
Jaakko Vanhala - keyboards
Heikki Haataja - drums and percussions

 

Genere:

 

Durata:
42' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

A sentire i Plan E diventa strano pensare che la mente del gruppo sia addirittura passato dagli Impaled Nazarene. Il loro sound infatti è tanto originale quanto lontano dalle sonorità a cui siamo abituati coi loro conterranei finnici.
I Plan E propongono un genere che loro stessi definiscono Psychedelic Dark Music ma che ha un valore aggiunto nuovo, una terna di bassi con l'esclusione delle chitarre che rende il tutto molto più cupo e malinconico. Il secondo disco uscito dal connubio con l'italiana "My Kingdom Music" è "Bassonova" che gioca un po' sul sapore latino del nome facendo riferimento anche alla varietà delle percussioni utilizzate da Heikki Haataja. Va detto che parte di questa originalità sfuma nel biglietto da visita del gruppo. La copertina infatti è poco creativa, e lo stesso booklet è povero e riporta solo i testi nell'ormai consueto modo "ad appunti" che non ha più nulla di nuovo.
L'inizio dell'album è dato alla bella Come Hell and High Water dove si può subito gustare la varietà delle percussioni di cui parlavo prima. Originale anche il pezzo dal sentore ska " Remember the Future" mentre l'aspetto psichedelico si percepisce pienamente in Mexplorer grazie anche al lavoro delle tastiere. Degni di nota Separate Ways e la conclusiva City in the Garden che io ritengo la migliore dell‘intero platter.
Questo è un album da ascolto, prettamente per un pubblico che ama sonorità cupe e decadenti che ben si adatterebbe alla colonna sonora di film sul genere del Corvo ed è un ulteriore aspetto della Finlandia che ancora una volta si dimostra madre di ottimi musicisti anche dei generi più disparati.

Track by Track
  1. Come Hell and High Water 65
  2. The Self Destruction Button 60
  3. El Gusano Royo 60
  4. Love is the Key 60
  5. Remember the Future 65
  6. Mexplorer 60
  7. Separate Ways 70
  8. Omission s.v.
  9. Loneliness is a Loaded Gun 60
  10. City in the Garden 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
64

 

Recensione di Barbaro » pubblicata il --. Articolo letto 796 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.