Le Ceneri «Demo» (2018)

Le Ceneri ĞDemoğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
18.09.2018

 

Visualizzazioni:
169

 

Band:
Le Ceneri
[MetalWave] Invia una email a Le Ceneri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Le Ceneri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Le Ceneri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Le Ceneri

 

Titolo:
Demo

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Alvise Cappello :: Vocals, Bass;
- Guglielmo Cappello :: Guitars;
- Carlo Guadalupi :: Guitars;

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
19' 20"

 

Formato:
Demo MC

 

Data di Uscita:
12.08.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Da Belluno, Le Ceneri, band di recente formazione, dà il via alla propria carriera musicale con questo “Demo”, un quattro tracce di death metal molto robusto nella proposta e caratterizzato per la maggiore da potenti stacchi tra passaggi moderati e intensi nella resa. L’ottimo growl, rigorosamente in lingua madre, svolge indubbiamente un ruolo cardine ben distinguendosi tra riff di chitarra piuttosto grezzi e blast beat di pari classificazione. In alcuni tratti parie identificarsi anche qualche passaggio quasi doom ma in sostanza, la parola sdolcinato non è propria del combo. Le quattro tracce, a cominciare dall’opener “Apostasia”, offrono un quadro ovviamente penalizzato soprattutto dal fatto che la resa è abbastanza caotica trattandosi di un demo ma ben si apprendono i passaggi più diretti e potenti; stessa sorte anche per “Novit Dominus Qui Sunt Eius”, all’interno del quale la band lascia comunque trapelare la propria voglia e capacità di mettersi in mostra senza mai apparire ridicola nella struttura; il successivo “Scared To Death” sembra adottare soluzioni con l’aggiunta di qualche groove ma tutto sommato l’idea non dispiace; conclude la prova “Smirne Brucia" la cui apertura acustica è affidata a strumenti mediorientali che lasciano poi spazio ad un refrain di chitarra che si ripercuote per buona parte della durata del brano. Indubbiamente di cose da rivedere ce ne sono e molte ma non certo quella della grinta che caratterizza questa band il cui estro, seppur ancora da definire, lascia ben sperare.

Track by Track
  1. Apostasia 60
  2. Novit Dominus Qui Sunt Eius 55
  3. Scared To Death 60
  4. Smirne Brucia 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
60

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 18.09.2018. Articolo letto 169 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.