Bloodshed Walhalla «Ragnarok» (2018)

Bloodshed Walhalla «Ragnarok» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
13.09.2018

 

Visualizzazioni:
148

 

Band:
Bloodshed Walhalla
[MetalWave] Invia una email a Bloodshed Walhalla [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bloodshed Walhalla [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Bloodshed Walhalla

 

Titolo:
Ragnarok

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Drakhen :: vocals, all instruments;

 

Genere:
Viking Metal

 

Durata:
1h 5' 49"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Hellbones Records
[MetalWave] Invia una email a Hellbones Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Hellbones Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Hellbones Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mister Folk Promotion
[MetalWave] Invia una email a Mister Folk Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mister Folk Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mister Folk Promotion

 

Recensione

Ad unire questa one man band è da sempre stata la gloria, l’epicità, la virtù e la forza della battaglia e quando si parla di certe caratteristiche la punta della freccia può solamente essere indirizzata verso Bloodshed Walhalla che in appena dodici anni di attività è stato capace di realizzare numerose uscite tra demo, Ep, dischi, l’ultimo dei quali non appena un anno fa con il buon “Thor”. L’epicità adottata da Drakken in questo nuovo quarto disco intitolato “Ragnarok” ha dell’incredibile se si considera che fino a qualche tempo fa il progetto era inizialmente nato come tributo ai Bathory. In questo nuovo lavoro, di soli quattro brani che superano l’ora di ascolto, l’autore tra battaglie, scenari incantati e quant’altro punta tutto sul confronto tra luce e tenebre estrapolando il tutto, testi inclusi, proprio dal significato della parola Ragnarok e sulla mitologia norrena in generale. Strepitose le andature e le stesse ambientazioni che si propagano come fiamme ma anche come acqua che con le sue soavi onde accarezzano una spiaggia; il sound e la stessa creatività dell’autore lo hanno portato dagli inizi della carriera ad oggi all’evolversi in favore di una certa maturità compositiva che ne ha determinato l’acquisizione di un sound tutto personalizzato fatto di incredibili impianti melodici che si avvolgono tra ritmiche ben cadenziate con un annesso, ottimo lavoro di chitarra. Il disco scorre particolarmente bene se si considera anche la durata dei brani che nel caso dell’ultimo, sfiora addirittura la mezz’ora di ascolto, ma la magia e la spettacolarità insita nel disco denotano la necessità e il desiderio di volersi al meglio immedesimare in questo mondo leggendario, frutto di mitologia ma anche di realtà. Un lavoro significativamente maturo, imponente e magico allo stesso tempo capace di farci sognare, apprezzare e rivivere al meglio i fasti della gloriosa ed indimenticabile mitologia nordica.

Track by Track
  1. Ragnarok 85
  2. My Mother Earth 85
  3. Like Your Son 85
  4. For My God 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 13.09.2018. Articolo letto 148 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.