The Voices «Light And Weirdness» (2018)

The Voices «Light And Weirdness» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
31.08.2018

 

Visualizzazioni:
358

 

Band:
The Voices
[MetalWave] Invia una email a The Voices [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Voices [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di The Voices

 

Titolo:
Light And Weirdness

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Paolo "The Voices" Ferrante :: Voices

 

Genere:
Experimental Avant-Garde a Cappella

 

Durata:
38' 35"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Masked Dead Records
[MetalWave] Invia una email a Masked Dead Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Masked Dead Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Masked Dead Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Capita ogni tanto qui a metalwave di recensire dischi lontani dal metal o dal rock, ma di album a cappella credo che questa sia la prima volta, e nella fattispecie, questo è il secondo album di The Voices, una one man band più vari guests di Paolo Ferrante.
Quindi cosa dobbiamo aspettarci, delle litanie tipo Diamanda Galas? Vocalizzi tipo “Masked Ball” di Jocelyn Pook? Forse un rumorismo astratto sonoro tipo Zu o Mombu in versione vocale invece che coi fiati? Purtroppo, niente di tutto questo. La musica qui proposta è fatta unicamente dalla voce più volte processata, stratificata e sovraincisa, volta a proporre determinati moods, che sulle prime colpiscono nell’opener “Cult of the sun”, ma ben presto purtroppo prende il sopravvento l’indifferenza su brani come “Ashen Clouds”e i brani si rivelano ben presto poco intelligibili, vedansi i due brani successivi. E purtroppo col passare dei minuti la situazione peggiora ancora, con la parte centrale dove sinceramente fatico a capire cosa vogliano rappresentare i brani per l’assenza di musicalità dei brani, o che diventano un vero strazio in brani come “Under the rays of the moon” o “Alien Galaxies”. Questo è in poche parole “Light and weirdness”: un disco sulla carta ben fatto, in realtà molto poco comunicativo, troppo criptico a volte e pretenzioso in altre. Assolutamente niente di speciale. Senza rancore.

Track by Track
  1. Cult of the sun 50
  2. Ashen Clouds 45
  3. The rays of the sun 50
  4. Blinded by light 40
  5. All the fucks I give 40
  6. Under The Rays Of The Moon 40
  7. The Weird Side Of Music 50
  8. Dies reversurus 50
  9. Alien Galaxies 40
  10. Light-devouring anomaly 40
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 45
  • Qualità Artwork: 50
  • Originalità: 40
  • Tecnica: 50
Giudizio Finale
45

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 31.08.2018. Articolo letto 358 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.