Sixcircles «New Belief» (2018)

Sixcircles «New Belief» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
30.08.2018

 

Visualizzazioni:
301

 

Band:
Sixcircles
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sixcircles

 

Titolo:
New Belief

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Sara Montenegro :: voice and tambourine
Giorgio Trombino :: acoustic and electric guitars, bass, drums, piano, harmonium, synth, harmonica, percussion

 

Genere:
Dark Psychedelic Rock

 

Durata:
34' 27"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
16.04.2018

 

Etichetta:
Phono Sphera Records
[MetalWave] Invia una email a Phono Sphera Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Phono Sphera Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Phono Sphera Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Metaversus - Press & Promo
[MetalWave] Invia una email a Metaversus - Press & Promo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Metaversus - Press & Promo

 

Recensione

Notevole disco di debutto per questo duo chiamato Sixcircles, che in neanche 35 minuti riesce a convincerci appieno della loro musica, che per semplicità potremmo definire “Acid rock”, forse.
Precisiamo: “New belief” non è stoner: è un disco a volte rock leggero, altre volte alternative, ma che inevitabilmente alla lunga distanza dimostra il proprio amore per sonorità ipnotiche e psichedeliche, fino ad arrivare a delle sonorità che tagliano del tutto con l’elettricità e la batteria nella seconda metà del disco. Te ne accorgi dall’opener “New belief begins”, molto rumorosa e garage, dalle due canzoni successive decisamente più bluesy, fino a sfociare verso la pischedelia di “Time to erosion”, davvero rimarcabile, senza contare la grande (e più acid rock di tutte) “The prison”, davvero acida con quell’effetto alla voce. Il resto dei brani sfoga, come detto sopra, il proprio mood più etereo, senza distorsioni e quasi senza percussioni a volte, il tutto a formare una specie di soundscape drogastico che prima sale, e poi ti porta in un’atmosfera rilassatissima, che fa davvero il verso alle sonorità fricchettone anni 60, per un quadro conclusivo dell’ascolto che ti lascia basito per l’originalità, ma specialmente per l’evocatività dei moods proposti, davvero notevoli, che formano un disco che (se si eccettua il meno significativo penultimo brano) non ha praticamente punti deboli, e che consiglio fortemente agli amanti della musica rock psichedelica, dallo stoner alla musica rock anni 60.

Track by Track
  1. New belief begins 75
  2. Blue is the colour 80
  3. Come, Reap 80
  4. Time to erosion 85
  5. The prison 80
  6. Sins you hide 80
  7. Late to awake 75
  8. Take me to your desert 70
  9. Lavender wells 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 30.08.2018. Articolo letto 301 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.