Heruka «Deception's End» (2018)

Heruka «Deception's End» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
26.07.2018

 

Visualizzazioni:
174

 

Band:
Heruka
[MetalWave] Invia una email a Heruka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Heruka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Heruka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Heruka [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Heruka

 

Titolo:
Deception's End

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Nekrom :: Vocals;
- Adranor :: Guitar;
- Moha :: Bass;
- Nemuri Shi :: Drums;

 

Genere:
Oniric Black Metal

 

Durata:
57' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.06.2018

 

Etichetta:
Vacula Productions
[MetalWave] Invia una email a Vacula Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vacula Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vacula Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Vacula Productions
Narcoleptica productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I romani Heruka, a distanza di quasi vent’anni dalla nascita dalla prima formazione, esordiscono oggi con un Oniric Black Metal dando impulso a questo “Deception’s End”, disco di ben 16 tracce all’interno del quale, per accingerci ad ascoltare l’inizio, dobbiamo prima ascoltare sei brani posti in apertura rappresentanti la ri-registrazione del loro Ep del 2005 “Leggenda”; soluzione questa, a parere di chi scrive, poco condivisibile in quanto per un album di debutto proporre subito un qualcosa di risentito e legato ad un passato quasi prossimo, non è un ottimale biglietto da visita; indubbiamente sarebbe stato più indicativo chiudere il disco con i sei brani disposti in apertura per dare modo a chi non avesse mai sentito parlare di questa band, del proprio attuale potenziale paragonato a distanza di tredici anni dall’uscita dell’Ep; quindi, in maniera non troppo spontanea ci facciamo piacere l’idea commerciale adottata del quartetto. La band, in parte anche penalizzata da una produzione non eccelsa, ripropone i primi sei brani attraverso un sound caratteristico del genere e strutturato in maniera parzialmente corretta tenendo conto che la batteria pare spesso rimanere un po’ troppo indietro rispetto a tutto il resto. Il primo effettivo brano del nuovo disco è dunque “A Night Of Agony” dal quale spicca sin da subito il buon lavoro di basso, addirittura suonato sopra ad una chitarra appena percepibile; interessante il glaciale scream disposto su un’andatura varia tra moderazione e accelerazione; infiniti blast beat propagati dinanzi ad una qualità audio un po’ disarmante è ciò che ci riserva invece “Nemuri Shi And The Alliance”, brano che si discosta dal precedente e sotto il profilo strutturale solamente in maniera minimale; da ricordare “Nekrom’s Rescue”, dalle sembianze quasi epiche, fedele ad un black metal particolarmente diretto ma, come sopra più volte già evidenziato, penalizzato da una produzione non proprio eccelsa. Anche la traccia successiva “The Revelation” protesa su una linea strutturale molto acerba, lascia sempre evidenziare l’ottimo lavoro del basso in rilievo rispetto a tutto il resto; la chitarra offre invece dei discreti melodici nella speranza di infrangere i continui blast beat di una batteria portata a velocità supersonica. I successivi “The Three Entities” vede l’inserimento di una specie di corale atto a rendere un effetto più concreto per l’ argomento trattato, mentre “The Last Rampart” riparte con una forsennata corsa verso chissà cosa, fortunatamente in brevi tratti resa appena più moderata. Stessa sorte anche la finale “Deception’s End” recante il nome di questo album che precede un simpatico e conclusivo outro “Coisomo’s Breath” molto epico con l’appoggio di inedite viole. Il disco, stante gli sforzi della band necessiterebbe, ad avviso di chi scrive, di alcune sostanziali modifiche volte da un lato, a mettere maggiormente in risalto il potenziale della band attraverso idee più innovative e, dall’altro, a rendere il tutto maggiormente nitido e di facile assimilazione.

Track by Track
  1. Heruka - The Meeting S.V.
  2. Adhes - Auxilium's Killing S.V.
  3. Zeima And Eracli - Ilmar's Realm S.V.
  4. Monrgh - The Two Swords S.V.
  5. Takar - The Enigma S.V.
  6. Heruk - The Return S.V.
  7. Heruka - A Night Of Agony 65
  8. Gurnow - Nemuri Shi And The Alliance 60
  9. Feerduim - Premonition 55
  10. Amsarctra - Nekrom's Rescue 55
  11. Chailosis - The Revelation 60
  12. Zoryas - Emho's Army 55
  13. Bethuria - The Three Entities 60
  14. Treistela - The Last Rampant 55
  15. Coisomo - Deception's End 55
  16. Outro - Coisomo's Breath S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 50
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
59

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 26.07.2018. Articolo letto 174 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.