Rusty Nails «Seasons Of Hatred» (2018)

Rusty Nails «Seasons Of Hatred» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
05.07.2018

 

Visualizzazioni:
279

 

Band:
Rusty Nails
[MetalWave] Invia una email a Rusty Nails [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rusty Nails [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Rusty Nails

 

Titolo:
Seasons Of Hatred

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Paolo Billi :: Vocals;
- Claudio Della Bruna :: Rhythm Guitar;
- Matteo Santoni – Lead Guitar;
- Federico Viviani – Drums;
- Alessandro Crecchi :: Bass;

 

Genere:
Heavy / Power / Thrash Metal

 

Durata:
41' 6"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.03.2018

 

Etichetta:
Sliptrick Records
[MetalWave] Invia una email a Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sliptrick Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

E’ veramente ben fatto questo “Season Of Hatred” disco dei Rusty Nails, band formatasi nel lontano 2001, ed oggi alla rivalsa per offrirci un intenso quanto esplosivo lavoro misto tra power e heavy metal sotto l’egida della Sliptrick Records. L’heavy metal, sin dalle primissime batture, risulta grintoso, monumentale; la potenza che sprigiona la band è tutto un programma considerando la magnificenza sia dei riff che della ritmiche in generale che non tardano mai a ricordarci le primissime origini dei Rusty Nails, al tempo Avatar, su base anche power e thrash. La forza della band si avverte subito dopo l’intro di apertura di “Minutes Of Hatred” per poi passare immediatamente alla robusta “Years Of Age” che sin da subito mette in evidenza la forza indiscussa del grintoso e maestoso clean supportato dall’ingente capacità degli strumentisti. Si attende qualche istante offerto da un acustico un po’ maideniano di “Day Of Punishment” ma che ritroveremo anche più avanti per altri brani, pronta di lì a poco a scatenare un’ondata tutta thrash power di ingente spessore compositivo da ascoltare ripetutamente; si prosegue con altra intro acustica per “Mind Control”, dall’apparente natura ballad, poi sferzata in favore di un prepotente heavy dove i riff delle chitarre generano un ottimo spettacolo compositivo; tipicamente thrash un po’ alla Exodus l’ottima “Dagon” capace di sfornare interessanti iniziative su cambi ritmici tra spinte e moderazione; dalle effettive sembianze quasi ballad è “Out Of This World” un brano ritmicamente molto moderato e pacato dove tutto in sostanza ruota particolarmente sulla performance cantata; molto intensa nei contenuti anche “The Outer Lord” all’interno della quale meritano plausi l’ottimo lavoro anche del lead della chitarra con la batteria; la conclusiva “End Of All Days” offre quanto di meglio band proponga tra la personalissima miscela fatta di power, heavy e Thrash. Un buon disco da omaggiare su ogni fronte, sia per la modernità del sound che per l’ottima capacità riconosciuta a questa band.

Track by Track
  1. Minutes Of Hatred S.V.
  2. Years Of Age 80
  3. Day Of Punishment 80
  4. Mind Control 75
  5. Dagon 80
  6. Out Of This World 75
  7. The Outer Lord 75
  8. End Of All Days 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 05.07.2018. Articolo letto 279 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.