Viboras «Eleven» (2018)

Viboras «Eleven» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
05.07.2018

 

Visualizzazioni:
147

 

Band:
Viboras
[MetalWave] Invia una email a Viboras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Viboras

 

Titolo:
Eleven

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Irene Viboras :: vocals, guitar
Sal Viboras :: guitar, vocals
Giò Poison :: bass, backing vocals
Beppe Best :: Drums

 

Genere:
Punk'N'Roll

 

Durata:
38' 26"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
23.02.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Bagana Rock Agency
[MetalWave] Invia una email a Bagana Rock Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bagana Rock Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bagana Rock Agency
The Jack Music Agency
[MetalWave] Invia una email a The Jack Music Agency

 

Recensione

Si sente che il terzo album dei Milanesi Viboras è il frutto di una band con una certa esperienza e che la sua gavetta l’ha fatta. In un genere come questo, il punk/rock, dove la botta in faccia è tutto insieme all’attitudine, bastano i primi secondi di “Pray” a farci capire che tutto questo i Viboras ce l’hanno, con una musica molto schietta e diretta, nonché dalla giusta timbrica, come se la voce sporca di Courtney Love si adagiasse sopra una musica che molto spesso ricorda i Misfits. Certo, non originale, ma molto divertente e appassionante.
Questo è in poche parole “Eleven”: un disco dalla ricetta tanto semplice quanto divertente, dove la tripletta di canzoni d’apertura ti fa per forza muovere e ti lascia un sorriso alla fine dell’ascolto, e dove con il prosieguo dell’ascolto si continua a battere chiodo su questo tasto, concedendo poche divagazioni, che nella fattispecie sono un sound più marcio in “No more” o influenze più moderne in “Leave this place”. Anche la ballad conclusiva non sposta il tiro della canzone di così tanto, e questo è forse un difetto dell’album, che con una o due idee in più a canzone poteva essere di più di un semplice tributo ai Misfits. Un album dunque monodirezionale e non molto innovativo, ma tuttavia caparbio e dove l’esperienza e l’attitudine della band sopperiscono e riescono a metterci una pezza, e l’ascolto di “Eleven” per intero risulta comunque molto divertente e coinvolgente. Se il punk alla Misfits è ciò che fa per voi, “Eleven” dei Viboras consiste in un bell’acquisto.

Track by Track
  1. Pray 75
  2. I don't care 75
  3. Where were you 75
  4. Run away 70
  5. Leave this place 70
  6. Drives me insane 75
  7. Can't breathe 75
  8. No more 75
  9. Jamie 75
  10. Away from here 75
  11. Raise 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 05.07.2018. Articolo letto 147 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.