Lipz «Scaryman» (2018)

Lipz «Scaryman» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
26.06.2018

 

Visualizzazioni:
780

 

Band:
Lipz
[MetalWave] Invia una email a Lipz [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Lipz [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Lipz

 

Titolo:
Scaryman

 

Nazione:
Svezia

 

Formazione:
- Alex K :: Vocals, Guitar;
- Koff K :: Drums;
- Conny S ::Guitar;

 

Genere:
Hard Rock

 

Durata:
38' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
01.06.2018

 

Etichetta:
Street Symphonies Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Street Symphonies Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Street Symphonies Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Street Symphonies Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Street Symphonies Records
Burning Minds Music Group
[MetalWave] Invia una email a Burning Minds Music Group [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Burning Minds Music Group

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Atomic Stuff
[MetalWave] Invia una email a Atomic Stuff [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Atomic Stuff

 

Recensione

Non che sia particolarmente propenso a gente che al giorno d’oggi vuoi per scena, vuoi per divertimento o ancora per fare colpo, pratichi il face painting e si vesta da glam punk anni ‘80 proprio come questi svedesi Lipz che, contrariamente all’impressione che ci danno con la presentazione fotografica, esordiscono oggi con un album veramente bello come non se ne sentivano da parecchio. Le dieci tracce contenute in questo “Scaryman” indubbiamente sono di spessore curate nel minimo dettaglio e ricche di propositi che vanno oltre al classico glam hard rock che tanto andava un trentennio fa. Ottima la commistione strutturale dei brani, originale quanto basta per farci apprezzare al meglio e subito questo disco intenso e completo. Ritornelli e melodie semplici vanno a miscelarsi con una grinta che solo questo trio spara al meglio tra gli ascoltatori a cominciare con “Scaryman” dai contenuti semplici ma dal ritornello vincente che ti va di fischiettare subito a brano concluso; ma anche “Get Up On The Stage” mette giudizio e si fa apprezzare come non mai per le melodie che la contraddistinguono oltre che per un’andatura semplice ma dall’impatto garantito; un po’ alla Motley Crue di trentacinque anni fa può essere considerata “Get In On” classico brano rock glam da incitazione e casinaro il giusto anche per l’ottimo lavoro della chitarra; altro ottimo risultato è quello di “Trouble In Paradise”, per quella modalità un po’ catchy che la contraddistingue e che inevitabilmente ti colpisce. Un disco ben fatto per questa giovane band di cui sentiremo sicuramente parlare per molto e molto ancora grazie sia a questo esordio ma soprattutto per il potenziale che la contraddistingue.

Track by Track
  1. The Awakening S.V.
  2. Scaryman 80
  3. Star 80
  4. Get Up On The Stage 80
  5. Fight 80
  6. Get In On 80
  7. Falling Away 80
  8. Tick Tock 80
  9. Trouble In Paradise 80
  10. Everytime I close My Eyes (Acoustic Version) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 26.06.2018. Articolo letto 780 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.