Haze and The Pony «Haze and The Pony» (2018)

Haze And The Pony «Haze And The Pony» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
23.06.2018

 

Visualizzazioni:
89

 

Band:
Haze and The Pony
[MetalWave] Invia una email a Haze and The Pony [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Haze and The Pony [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Haze and The Pony [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Haze and The Pony [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Haze and The Pony

 

Titolo:
Haze and The Pony

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giandomenico Viceconte :: Unknown
Anselmo Buonamici :: Unknown

 

Genere:
Alternative Rock

 

Durata:
22' 17"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
06.04.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Discreto questo debutto degli Electro Alternative Rockers da Roma, chiamati curiosamente “Haze and the Pony” e che ci propongono 22 minuti di musica ripartita in 5 tracce. Discreto perché gli Haze hanno dalla loro il fatto di proporci un Ep registrato in maniera più che apprezzabile con tutti i volumi al loro posto, ma dove si sente che il loro sound è ancora acerbo. Promettente, ma acerbo.
Infatti, sin dall’opener “Carry on man” e per buona parte delle tracce, gli Haze azzeccano il mood della composizione e riescono a lavorarlo, ma solo fino ad un certo punto, apportando una buona quantità di idee ma comunque limitata, che rende i brani non male sulle prime, ma anche un po’ limitati e ripetitivi al prosieguo dell’ascolto, anche a causa di una eccessiva ripetitività. Forse anche per questo motivo, è “Psiconautica” ad essere il brano migliore del lotto, essendo questa più lunga e strutturata, dove il minimalismo sonoro si fa meno opprimente e il brano diventa più aperto. Consiglierei anche di rivedere le raw vocals di “Iside”, che stonano col resto della composizione e anche la pronuncia del cantante, che per qualche strano motivo apre tutte le vocali, dando un effetto un po’ troppo languido alle composizioni.
Insomma: ben pensato e realizzato, ma un po’ acerbo dal punto di vista degli arrangiamenti e delle rifiniture, l’Ep di debutto degli Haze and the Pony è comunque un debutto tutto sommato positivo ed apprezzabile, che con i dovuti sviluppi può portare a qualcosa di ancora migliore in futuro.

Track by Track
  1. Carry on man 65
  2. Elapsed time 65
  3. Tossicanalisi 70
  4. Psiconautica 70
  5. Iside 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
67

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 23.06.2018. Articolo letto 89 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.