Seraphic Eyes «Hope» (2018)

Seraphic Eyes «Hope» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
23.06.2018

 

Visualizzazioni:
257

 

Band:
Seraphic Eyes
[MetalWave] Invia una email a Seraphic Eyes [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Seraphic Eyes [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Seraphic Eyes

 

Titolo:
Hope

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Alberto M Surf: voice, guitars;
- Alessio Azzalin :: Drums;
- Laura Gagliardi :: bass;

 

Genere:
Grunge / Alternative Rock / Punk

 

Durata:
44' 40"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
VRecords
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di VRecords [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di VRecords

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
Davvero Comunicazione
[MetalWave] Invia una email a Davvero Comunicazione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Davvero Comunicazione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Davvero Comunicazione

 

Recensione

Un grunge tutto made in Italy questo dei nostrani Seraphic Eyes, un trio proveniente da Biella che sin da subito mettono a proprio agio l’ascoltatore su un genere che pare il più delle volte lasciato sin troppo indietro da moltissime band in favore di qualcosa di abbastanza incentivato. Il trio, forte di un sound deciso e non troppo confusionario, non perde mai l’occasione di far divertire forte anche del buon clean, decisamente maturo nella proposta e mai sdolcinato. Il sound ma sostanzialmente la struttura dei brani, non fa certo perdere l’occasione per richiamare alla mente la scena grunge anni ’90 di Seattle e dintorni tra Nirvana e Pearl Jam ricca di qualche venatura più tendente al punk rock di matrice appena più moderna. Insomma andature ben strutturate forti di un semplice quanto coinvolgente lavoro tra basso chitarra e batteria dal quale risulta praticamente impossibile storcere il naso al punto da catalogare questa band come un ennesimo duplicato o giù di li; prontezza e determinazione offrono quindi un quadro dinamico e allo stesso tempo riflessivo che ripercorre nei tredici brani di questo “Hope” un’esperienza da condividere e fare propria accaparrando al meglio ciò che più ci trascina e coinvolge. La carrellata dei brani, sobri al punto giusto ma pur sempre divertenti, fanno di questa band un fiero esempio di grunge da prendere ad ispirazione e da assaporare dall’inizio alla fine senza la minima ombra di dubbio.

Track by Track
  1. Losing Souls 80
  2. Crocodile Boots 75
  3. Jfk Spoke About This 70
  4. Time To Go 70
  5. Running In The Dark 75
  6. Another Life 70
  7. Hope 80
  8. Infinite Streets 80
  9. When I Suffered (Ode To Smell) 75
  10. You Will Know 75
  11. Alien Blood 70
  12. The Reason 75
  13. Your Seraphica Eyes 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 23.06.2018. Articolo letto 257 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.