Spell of Decay «Spell of Decay EP» (2018)

Spell Of Decay «Spell Of Decay Ep» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
17.06.2018

 

Visualizzazioni:
220

 

Band:
Spell of Decay
[MetalWave] Invia una email a Spell of Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Spell of Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Spell of Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Spell of Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Spell of Decay [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Spell of Decay

 

Titolo:
Spell of Decay EP

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Massimiliano Falchi :: Bass
Flavio Fancellu :: Drums
Alessandro Naitana :: Guitars
Bartolomeo Zinellu :: Guitars
Luigi Cara :: Vocals

 

Genere:
Death / Black Metal

 

Durata:
27' 5"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
21.04.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Molto incoraggiante il debutto discografico degli Spell of Decay, da Sassari, che in circa 27 minuti riescono a deliziare le nostre orecchie di un grande Death Metal old school in stile svedese, con una maturità stilistica onestamente che mi ha davvero soddisfatto. Merito forse del fatto che i ragazzi di questa band hanno comune avuto diverse esperienze con altre bands in passato.
“Spell of Decay” non è infatti un disco retrogrado fine a sé stesso: è un disco che mette in chiaro ciò che sa fare sin dalla marcia ma potente opener “Devourers of light”, aggiungendo anche una bella dose di malvagità qua e là, come nella grande “I shall be king” o “Stronghold”, anche se il miglior brano di tutti per me è “Salvation”, una canzone dai ritmi serrati e trascinanti che fanno arrivare i nostri ragazzi a toccare l’intensità dei Grave e a volta anche di certi Old Funeral, con un risultato spettacolare, rinforzato da una qualità sonora un po’ rumorosa e con le chitarre un po’ basse, ma che donano all’Ep un che di disco underground che non guasta affatto.
Non ci sono difetti degni di nota in questo Ep di debutto degli Spell of Decay, so solo che se il Death old school è un genere che apprezzato, specialmente quello svedese, allora l’acquisto di questa release è fortemente consigliato. Ben fatto, e punto un po’ su questi ragazzi per il loro full length.

Track by Track
  1. Devourers of light 75
  2. I shall be king 75
  3. Salvation 80
  4. Silent maze of torment 70
  5. Stronghold 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 17.06.2018. Articolo letto 220 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.