Casablanca «Pace, Violenza o Costume» (2018)

Casablanca «Pace, Violenza O Costume» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
13.06.2018

 

Visualizzazioni:
167

 

Band:
Casablanca
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Casablanca [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Casablanca [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Casablanca

 

Titolo:
Pace, Violenza o Costume

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Max Zanotti :: Voce, chitarra;
Rosario Lo Monaco :: Chitarra;
Giovanni Pinizzotto :: Basso;
Stefano Facchi :: Batteria;

 

Genere:
Rock / Alternative / Stoner

 

Durata:
36' 19"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
VRecords
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di VRecords [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di VRecords

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
Davvero Comunicazione
[MetalWave] Invia una email a Davvero Comunicazione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Davvero Comunicazione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Davvero Comunicazione

 

Recensione

Disco ai limiti della competenza per la materia musicale trattata dalla nostra web magazine, è questo “Pace, Violenza o Costume”, secondo in casa dei rockers milanesi Casablanca dove a prevalere, oltre ad un basilare rock, appena tendente al grunge, è il contesto romantico ed estremamente malinconico che trasuda sia dalla struttura musicale dei brani che dalle tematiche dagli stessi trattate. La band, con i suoi dieci brani, tutti rigorosamente cantati con un espressivo quanto d’effetto clean vocale in lingua madre, attraversa un percorso che di tanto in tanto pare spingersi su qualche puntatina appena più aggressiva che mai in ogni caso mai lascia gridare al miracolo per incentrarsi completamente sul proprio più amato genere. In ogni caso l’ascolto scorre molto bene se si tiene conto sia della semplicità ma della forte vena melodica di cui si diceva più sopra oltre che ad una indiscussa pulizia del suono curato da una buona produzione. Ogni singolo brano tratta tematiche diverse e allo steso tempo attuali affrontando le problematiche esistenziali di ogni giorno. Un disco interessante che non deluderà affatto gli amanti di un genere come questo ma soprattutto chi ha già avuto modo di ascoltare questa band al suo esordio. Ascoltare, apprezzare, percepire è tutto quello che, se vorrete, potrete trovare ed assaporare in questo lavoro.

Track by Track
  1. Maschere 70
  2. Ti sto Cercado 60
  3. Ti Scriverò da Qui 65
  4. Minuetto 70
  5. Niente Rose 65
  6. Un Punto di Sutura 75
  7. Lei 65
  8. Una Ragione di Piu' 70
  9. Un Taglio In Bocca 65
  10. Casablanca 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 13.06.2018. Articolo letto 167 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.