Red Morris «Time» (2018)

Red Morris «Time» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.05.2018

 

Visualizzazioni:
137

 

Band:
Red Morris
[MetalWave] Invia una email a Red Morris [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Red Morris [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Morris [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Red Morris

 

Titolo:
Time

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Red Morris :: Guitars
Alberto Parisi :: Bass
Marco Carli :: Drums
Beppe Premi :: Keyboards
Mirco Parisi :: Trumpet
Marcello Spera :: Vocals

 

Genere:
Progressive Rock

 

Durata:
53' 46"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il secondo disco di Red Morris intitolato “Time” costituisce un esempio di Prog Rock d’annata non male, ma caratterizzato da una certa alternanza di luci e ombre che se da una parte rendono l’ascolto dell’album ostacolato da certe spigolosità di sound, dall’altro bisogna dire che col mestiere e con gli arrangiamenti i Red Morris sopperiscono a questo problemino e ad altre piccole falle.
Infatti, è evidente il DNA sonoro dei Red Morris nella buona opener “San Sebastian”: un prog leggero e retro style, gradevole e con un certo tocco alla King Crimson, ma anche sufficientemente personale e in generale riuscito. Il problema è che quando i Nostri insistono su queste sonorità soft un po’ crepuscolari i risultati sono eccellenti, ma a volte, come nelle due canzoni successive, appaiono delle incursioni rock che suonano decisamente più nella norma e anche non ben collegate. La verità esce fuori nella successiva “New York”, un brano con lo stesso problema, che però viene attutito dal fatto che tutto il resto suona molto bene e naturale, specialmente quando i RM sfociano su lidi Jazz con tanto di tromba. E il resto dei brani conferma un po’ questo feeling di “buone canzoni ma influenze non sempre ben tenute insieme”, con una “Money Kills” più tipicamente rock anni 70-80 che viene inframezzata da parti più easy listening, ma dove il prog va un po’ a mancare, una “Blessed Imelda” abbastanza easy listening ma anche un po’ troppo allungata verso la fine, nonché una conclusiva “Opera” vagamente più in stile da musical e accoppiata con un tocco più chitarristico verso la fine.
Insomma: non un disco perfetto, ma che comunque incuriosisce e che ti fa voler bene a questi ragazzi, che se da un lato non hanno fatto un disco perfetto per via di generi musicali non del tutto amalgamati, dall’altro presentano un buon campionario di idee e di soluzioni stilistiche che sopperiscono a quel difetto là, senza contare che il traguardo compositivo di questo “Time” non era certo facile.
In conclusione: tenendo sempre presente che i Red Morris possono ancora migliorare, i fans del Prog retro style e dei King Crimson in particolare potrebbero essere ben soddisfatti da quest’album.

Track by Track
  1. San Sebastian 75
  2. My father 70
  3. Transylvania 70
  4. New York 65
  5. Time 65
  6. Money kills 70
  7. Blessed Imelda 70
  8. Opera 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.05.2018. Articolo letto 137 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.