Jack Maniak «Code 403» (2017)

Jack Maniak «Code 403» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
13.05.2018

 

Visualizzazioni:
213

 

Band:
Jack Maniak
[MetalWave] Invia una email a Jack Maniak [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Jack Maniak [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Jack Maniak

 

Titolo:
Code 403

 

Nazione:
Francia

 

Formazione:
Jack Maniak :: All Instruments

 

Genere:
Synthwave / Hard Rock

 

Durata:
46' 15"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.11.2017

 

Etichetta:
Jet Set Trash Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Jet Set Trash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Jet Set Trash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Jet Set Trash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Jet Set Trash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Jet Set Trash Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Jet Set Trash Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Non male questo album electro synth wave di Jack Maniak, una one man band da Parigi che con questo “Code 403” ci propone un buon esempio di musica fondata sui synth e beats, con sporadiche chitarre elettriche e niente voci, per un risultato non esageratamente duro, ma comunque con un certo impatto e spessore che può fare comunque presa sui metalheads più orientati verso le sonorità elettroniche.
Sono infatti la varietà compositiva dei brani e il costante alto livello delle composizioni a graziare “Code 403”, che mostra cosa sa fare sin dalla opener “Stripe is back”, energica e coinvolgente ma per niente retro-styled. Cosa che riguarda anche la successiva “No Fate”, che peraltro mostra anche un cambio di ritmo a metà canzone, rendendo appunto il risultato più dinamico e appetibile agli amanti della musica metal, e se una title track ci conquista per uno stile più creepy, è la parte orientaleggiante di “Tribal mob” a convincerci, che esplode in una magnifica parte successiva, a dimostrazione che Jack Maniak sa capitalizzare l’atmosfera delle canzoni e usarla al meglio, anche se la canzone che mi ha colpito di più è la conclusiva “Glory”, un buon esempio di summa compositiva del disco, con un’atmosfera positivamente più solare e una riuscita incursione di chitarra elettrica, che dona un notevole spessore al brano.
In conclusione: Per me, “Code 403” è proprio un bel disco. Jack Maniak poteva limitarsi a fare due tamarrate su un beat, usare qualche luogo comune, ma la ricerca musicale qui è profonda e ben dettagliata. Se il metal e l’elettronica sono una vostra passione, allora questo disco è senz’altro consigliabile nella vostra lista degli acquisti.

Track by Track
  1. Stripe is back 75
  2. No Fate 80
  3. Code 403 80
  4. Final Departure 75
  5. Tribal Mob 80
  6. The guardian 70
  7. Space Invaders 75
  8. Dangerous night 75
  9. Sky demons 80
  10. Glory 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 13.05.2018. Articolo letto 213 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.