Forgotten Woods «The Curse of Mankind» (2018)

Forgotten Woods «The Curse Of Mankind» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
02.03.2018

 

Visualizzazioni:
385

 

Band:
Forgotten Woods
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Forgotten Woods [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Forgotten Woods

 

Titolo:
The Curse of Mankind

 

Nazione:
Norvegia

 

Formazione:
Olav Berland :: Guitars, Drums
Rune Vedaa :: Bass, Lyrics
Thomas Torkelsen :: Vocals
Rune Jamne :: Additional Vocals

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
1h 12' 3"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
08.01.2018

 

Etichetta:
ATMF
[MetalWave] Invia una email a ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di ATMF

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gradita ristampa da parte della italiana ATMF per questo storico album dei Forgotten Woods, una band che in qualche modo, secondo qualcuno, è stata tra i fondatori del Depressive Black Metal. In realtà ciò che si troverà qui non è granché di questo genere, quanto piuttosto il risultato di una band che non si fece problemi ad abbattere certe barriere sonore e a sperimentare tramite una serie di melodie disseminate su brani lunghissimi, che raggiungono il non facile obiettivo di essere facili da sentire e da apprezzare, ma mai noiose e banali, dotate di picchi di stravaganza unite a parti più selvatiche e rabbiose nelle prime due canzoni, a cui successivamente va ad unirsi un substrato cantabile e con un debole per gli arpeggi nella parte successiva dell’album, il tutto con parte beffardamente melodiche e solari che spezzano il mood come l’intermezzo della quarta canzone, un po’ come poi hanno (forse) imparato a fare i Lifelover.
“The Curse of mankind” è dunque questo: un disco indubbiamente black metal dal feeling grezzo e selvatico, ma con evidenti contaminazioni bigie e con rallentamenti e parti più moody, che testimoniano l’inizio di questo genere musicale che ha poi costituito una parte rilevante del black metal. La ATMF ci ha fatto un gran favore a ristampare quest’album, ora sta a voi ringraziare la label e la band per aver rimesso sul mercato questa opera, condita con una bonus track disponibile solo per chi acquista l’album vero e proprio.

Track by Track
  1. Overmotets pris 90
  2. My Scars Hold Your Dreams 90
  3. The Starlit Waters – I, The Mountain 95
  4. With Swans I'll Share My Thirst 90
  5. Den Ansiktslose 95
  6. The Velvet Room 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 95
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 95
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
92

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 02.03.2018. Articolo letto 385 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.