Tuna de Tierra «s/t» (2017)

Tuna De Tierra S/t | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
22.02.2018

 

Visualizzazioni:
643

 

Band:
Tuna de Tierra
[MetalWave] Invia una email a Tuna de Tierra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Tuna de Tierra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Tuna de Tierra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Tuna de Tierra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Tuna de Tierra

 

Titolo:
s/t

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessio De Cicco :: guitar, vocals
Luciano Mirra :: bass guitar
Jonathan Maurano :: drums

 

Genere:
Desert Stoner Rock / Heavy Psych

 

Durata:
45' 7"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
22.09.2017

 

Etichetta:
Argonauta Records
[MetalWave] Invia una email a Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argonauta Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Disco di debutto per i Partenopei Tuna de Tierra, che in questi 47 minuti di musica ci propongono un rock molto leggero e atmosferico, con una certa passione per lo stoner, ma che si rivela essere in realtà non così presente in quest’album, malgrado ci venga proposto come tale.
Infatti, è solo un miraggio il mood desertico eppure molto atmosferico tipo Zippo di “The road to knowledge” nell’opener “Morning Demon”: da qui in poi le atmosfere si fanno decisamente meno chitarrose e più bluesy, che poco hanno a che fare con lo stoner, se non in certi momenti un po’ astratti di “Out of time” o di “Mountain”: qui lo stile che prevale, come detto, è quello più rarefatto e languido, che eccelle in “Rise of the lights” per delle belle atmosfere, ma che forse rende il disco un po’ troppo omogeneo e monodirezionale in altre parti, quasi che un cambio di marcia, di ritmo o di stile sarebbe stato meglio accetto tra i vari brani, in modo tale da rendere l’insieme un po’ più avvolgente. Ciò non toglie che anche così il disco autointitolato dei Tuna de Tierra riesce a sortire un certo effetto per chi apprezza il rock psichedelico più leggero e che taglia decisamente corto con il metal, ed è proprio a questa fascia di pubblico che questo album è indirizzato.

Track by Track
  1. Slow Burn - Intro S.V.
  2. Morning Demon 75
  3. Out of time 70
  4. Long Sabbath’s day - Intermezzo S.V.
  5. Rise of the lights 75
  6. Mountain 65
  7. Laguna 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 22.02.2018. Articolo letto 643 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.