Ancient VVisdom «33» (2017)

Ancient Vvisdom 33 | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
22.12.2017

 

Visualizzazioni:
333

 

Band:
Ancient VVisdom
[MetalWave] Invia una email a Ancient VVisdom [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ancient VVisdom

 

Titolo:
33

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Nathan Jochum :: Vocals, acoustic guitar, kick drum
Michael Jochum :: Guitar, back up vocals
Connor Metsker :: Bass

 

Genere:
Occult Rock

 

Durata:
33' 14"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.10.2017

 

Etichetta:
Argonauta Records
[MetalWave] Invia una email a Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argonauta Records

 

Distribuzione:
Goodfellas
[MetalWave] Invia una email a Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Goodfellas
Cargo Records
[MetalWave] Invia una email a Cargo Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cargo Records
Bertus
[MetalWave] Invia una email a Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Bertus

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Nuovo album per i Texani Ancient Vvisdom, band esplicitamente con tematiche sataniche, e che ci propone ancora un rock abbastanza leggero, minimale sia negli arrangiamenti che nelle distorsioni. Lo si definisce Horror Rock, e come definizione ci può stare. Beninteso: qui non stiamo parlando di una release per metalheads, tutto sommato, e di certo qui non ascolteremo riffoni stoner. Certo, c’è del rock, ma c’è sempre qualcosa di acustico nella musica degli AVV, con tratti musicali che richiamano i Ghost B.C. di brani come “Ritual” in “In the name of Satan” e qualcosa di Danzig in “Rise Fallen Angel”, mentre nelle parti più lente e introspettive il tutto va a rifarsi a qualcosa dei Tiamat di “Prey”, specialmente per quel che riguarda la voce.
Con questo mix musicale gli AVV in quest’album ci donano una manciata di canzoni che dunque non puntano ad essere grandiose o sopra le righe, ma semplicemente svolgono il loro compito rivelandosi gradevoli e suggestive, e solo in un paio di occasioni il tutto si rafforza un po’ di più, come nelle più incisive “33” e “The great beast”, forse la migliore del lotto per una certa incisività di fondo.
Tutto qui, più o meno. “33” non è male, ma forse non è neanche il massimo che si è sentito in questo genere in quanto a profondità, sinceramente. Siamo d’accordo che qui non bisogna aspettarcisi niente di esagerato a livello di sound, eppure anche così io ho sentito cose più efficaci e maledette, come “The Pentagram” dei Tiamat o “I’m the one” di Danzig ad esempio. In altre parole, “33” di per sé non è male ma faccio fatica a collocarlo in una certa audience propria, e quando lo si accomuna ad altri dischi ne esce ridimensionato. Forse si tratta di un disco più originale se viene inquadrato nel luogo originario della band, non so, ma ciò che so è che “33” quando viene preso per ciò che è, è un album non male e che costituisce una piacevole aggiunta a questo filone musicale tipo Blue Oyster Cult, Ghost, ma non certo una colonna portante.

Track by Track
  1. Ascending Eternally - Intro S.V.
  2. Light of Lucifer 65
  3. In the name of Satan 70
  4. True Will 70
  5. The Infernal One 70
  6. Summoning eternal light - Intermezzo S.V.
  7. Rise fallen angel 65
  8. 33 70
  9. The great beast 75
  10. Lux 65
  11. Dispelling Darkness - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 22.12.2017. Articolo letto 333 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.