Echotime «Side» (2017)

Echotime «Side» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
01.12.2017

 

Visualizzazioni:
160

 

Band:
Echotime
[MetalWave] Invia una email a Echotime [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Echotime [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Echotime

 

Titolo:
Side

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giacomo Bartolini :: Bass
Federico Fazi :: Drums
Nicolas Pandolfi :: Guitars
Federico Fabbri :: Keyboards
Alex Cangini :: Vocals

 

Genere:
Progressive / Metal

 

Durata:
49' 25"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.05.2017

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

E dove qualche brocco musicale fallirebbe, gli Urbinati Echotime invece se la cavano alla grande con questo “Side”, un bell’album Progressive più rock che metal, che riesce nel notevole compito di dare una veste altisonante e teatrale, da colonna sonora come dicono loro.
Era facile infatti per gli Echotime fare un album tutto parole e niente fatti, oppure esagerare tutto fino a fare un disco troppo lavorato, ma basta l’opener “Mr. Valentine” a farci capire che invece il sentiero avventuroso e rischioso percorso da questi ragazzi, con un’ottima evocatività e un bel tiro, confermato anche in “The lighthouse”, che rendono questa coppia d’entrata molto comunicativa eppure con piccola me significative variazioni nel mood, la prima delle quali più diretta e l’altra più drammatica, che si contrappone ad una aperta ed ariosa, quasi solare, “Hymn of glory”, che si fa notare anche per notevoli cambi umorali, che vanno da un ottimo gusto solista di chitarra a parti solo con la tastiera, per un risultato non molto diverso da quanto visto in certi Dream Theater, ma comunque che va per la sua strada perlopiù, anche se è la tragica “The River” a vincere la palma del miglior brano per me, in quanto la più drammatica e con un certo feeling da Power Ballad che però non si riduce ad una lagna strappalacrime. Ed è proprio questa la vittoria degli Echotime: la capacità di lambire generi diversi e stili diversi, come il jazz dell’ultima canzone, ma che riesce comunque ad essere molto grafico, che è proprio ciò che la band voleva.
Un disco dunque perfetto? In realtà no, perché ci sono alcune esagerazioni, errori banali e qualche luogo comune non evitati, che rendono “Side” un po’ troppo naive a volte e non profondo come si dovrebbe. A parte infatti i troppi intermezzi (sarà anche un concept, ma alla lunga appesantiscono un po’ l’ascolto), questi suonano anche un po’ strani, come se fossero non ben recitati, o estrapolati da qualche dialogo in inglese preso da chissà dove, mentre altrove non mancano delle ingenuità tipo la brutta e inopportuna voce urlata di “The bend of love” che rovina ottima parte del pathos trasmesso.
Insomma: gli Echotime ci sanno decisamente fare, e nonostante qualche peccato di presunzione, “Side” resta pur sempre un gran bel disco fatto da una band con potenziale e classe, anche se per ora un pochino ridondante e eccessivo. Consigliabile tranquillamente agli amanti del metal più progressivo e dal feeling tipo colonna sonora.

Track by Track
  1. In – side (Intro) S.V.
  2. Mr. Valentine 75
  3. The fourth estate - Intermezzo S.V.
  4. The lighthouse 80
  5. Money - Intermezzo S.V.
  6. Sickness 75
  7. Addiction - Intermezzo S.V.
  8. Hymn of Glory 80
  9. Milestone - Intermezzo S.V.
  10. The Orphanage 75
  11. The bend of love 70
  12. Lust and desire - Intermezzo S.V.
  13. The River 85
  14. Black dunes - Intermezzo S.V.
  15. Streams of life 75
  16. I have seen… - Intermezzo S.V.
  17. Freakshow 80
  18. Out – side (Outro) S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 01.12.2017. Articolo letto 160 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.