Kids on Neptune «Homeland» (2017)

Kids On Neptune «Homeland» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Led »

 

Recensione Pubblicata il:
30.11.2017

 

Visualizzazioni:
183

 

Band:
Kids on Neptune
[MetalWave] Invia una email a Kids on Neptune [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kids on Neptune

 

Titolo:
Homeland

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Antonio Valentini – VOCE E CHITARRA
Matilde Marchetti – VOCE E BASSO
Alberto Carapia – BATTERIA

 

Genere:
Alternative / Punk / Stoner Rock

 

Durata:
40' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.10.2017

 

Etichetta:
Seahorse Recordings
[MetalWave] Invia una email a Seahorse Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Seahorse Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Seahorse Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Seahorse Recordings

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Kids On Neptune debuttano per la Seahorse Record con l'album Homeland. Il trio di Forlì, nato artisticamente nell’inverno del 2012 , durante una festa universitaria, propone un sound che spazia tra l'Alternative rock con nitide influenze punk tutte incluse nei dieci brani che regalano circa quaranta minuti di benessere allo stato puro. La semplicità con cui i brani vengono eseguiti dimostra che nonostante l'esordio i tre musicisti hanno già le idee chiare sul proprio cammino.
Frequenze basse e profonde che lasciano spazio a sonorità più nitide e ricercate, senza rinunciare a correnti più stoner che rendono questo debutto interessante e originale allo stesso tempo.
Un ibrido semplice e diretto con ottimi innesti che riconducono al buon vecchio stile psichedelico degli anni 70, arricchito ulteriormente dai testi in lingua inglese che ruotano attorno a temi di natura personale e introspettiva, e che tuttavia permettono all’ascoltatore di rispecchiarsi nei pensieri e nelle vicende. L’ispirazione di carattere antropologico-filosofico di alcuni testi unita ai racconti di esperienze e avventure realmente accadute permettono di affrontare un unico tema, quello della ricerca della propria strada e della propria forza a prescindere dalle regole e dalle voci esterne, da molti punti differenti.
Un album che non farà fatica a farsi ascoltare che consigliamo vivamente a tutti.

Track by Track
  1. Bodies in Lies 65
  2. A Collapse 65
  3. A Simple Night 70
  4. Children of the Sun 60
  5. 2:20 60
  6. Polish State of Mind 65
  7. Not Even Sorry 70
  8. Nothing But No One 65
  9. She Will Keep Us Alive 70
  10. Homeland 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
66

 

Recensione di Led » pubblicata il 30.11.2017. Articolo letto 183 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.