Before And After Science «Relics & Cycles» (2017)

Before And After Science «Relics & Cycles» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
28.11.2017

 

Visualizzazioni:
84

 

Band:
Before And After Science
[MetalWave] Invia una email a Before And After Science [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Before And After Science [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Before And After Science

 

Titolo:
Relics & Cycles

 

Nazione:
Portogallo

 

Formazione:
- Ricardo Baptista :: Guitar;
- Bruno Barreira :: Live Guitar;
- Nuno Lobão :: Bass;
- Pedro Campos :: Drums;

 

Genere:
Post-Rock / Post-Metal / Instrumental

 

Durata:
34' 48"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
15.09.2017

 

Etichetta:
Shunu Records
[MetalWave] Invia una email a Shunu Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Shunu Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I portoghesi Before And After Science immettono nel mercato musicale questo disco d’esordio intitolato “Relics & Cycle”, un concentrato strumentale a presa diretta di post rock e post metal dal sapore prettamente oscuro ed ipnotico capace di assorbire l’ascoltatore nelle sue districate maglie. Il lavoro sostanzialmente, pur orientandosi in favore di coloro che propendono per band quali Caspian, Russian Circle, If This Trees Could Talk, offre un particolarissimo spaccato sonoro all’interno del quale si ravvisa tutta la migliore melodia che questa band riesce a realizzare attraverso chitarre, synth e batteria tendente alla caratteristica modalità post tipicamente moderata. Sette tracce disposte su orizzonti desolati, scenari quasi appartenenti al un altro mondo capaci di offrire una mezz’ora abbondante di ascolto tra splendide atmosfere capaci di ripercorrere un intero ciclo della vita dove tra positività e negatività l’uomo è alla perenne ricerca di fuga. Si accennava prima ai brani tutti di un certo livello compositivo tipicamente moderato e caratteristico del genere a cui probabilmente fa eccezione il conclusivo “Poinsettia”, un brano dove la band intensifica non poco i distorti in un’andatura che seppur moderata si rileva ancora una volta particolarmente funzionale e di incredibile effetto creativo. Un esordio bene realizzato che ben si introduce in quel mondo fatto di sonorità ed andature che riportano la mente dell’ascoltatore al di là dello spazio e del tempo.

Track by Track
  1. Downburst 80
  2. Howling 75
  3. Foehn 75
  4. Nostalgia 80
  5. Labirinto 75
  6. Naive 80
  7. Poinsettia 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 28.11.2017. Articolo letto 84 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.