Talv «Entering a Timeless Winter» (2017)

Talv «Entering A Timeless Winter» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
04.10.2017

 

Visualizzazioni:
1549

 

Band:
Talv
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Talv [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Talv

 

Titolo:
Entering a Timeless Winter

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- A. :: All instruments, vocals, lyrics;

 

Genere:
Atmospheric Black Metal

 

Durata:
43' 2"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
03.11.2017

 

Etichetta:
A Sad Sadness Song

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
ATMF
[MetalWave] Invia una email a ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di ATMF

 

Recensione

Talv, one man band nazionale, nata ufficialmente nel 2012 con il nome Alberi nella nebbia, ci propone questo concentrato atmosferico fatto di musica ambient unificata al black metal, recante titolo “Entering a Timeless Winter”e composta di cinque brani tra cui la conclusiva cover “Winterreise” dei Coldworld. Indubbiamente, già dallo stesso titolo del disco vengono i brividi al pari dell’ascolto delle tracce proprio sul presupposto del fatto di ravvisare la stessa sensazione che l’autore è in grado sviluppare attraverso le sonorità e le relative ambientazioni particolarmente gelide e taglienti al pari dei riff di chitarra che caratterizzano alcuni brani. Oltre ad una corposa lunghezza delle singole tracce, Talv è in grado di offrirci un quadro decisamente naturale strutturato su melodie prive di ritmiche ed incentrate solamente su scream tendenti a perdersi tra le gelide ambientazioni sviluppate dal synth il cui esito, in alcune circostanze, pare a tratti quasi dispersivo. La malinconia che emerge dall’ascolto rispecchia a pieno il senso della stessa artwork identificabile in uno smarrimento tra gelidi boschi e inquietanti note dirette a scalfire qualunque barlume di speranza di fronte ad un impossibile conforto. Artisticamente il lavoro pare propendere verso la ricerca di un equilibrio tra luce e tenebre dove inevitabilmente a prendere il sopravvento è quel senso di oppressione e di oscura malignità. Il disco, pur caratterizzandosi per quella vena compositiva black ambient risulta in molti passaggi un po’ monotono e piatto ma nel complesso le cose possono comunque cambiare se si immaginano prospettive meno acerbe e più silenziose come l’ottima riproposizione della conclusiva cover.

Track by Track
  1. Dreaming a Funeral in Another Life 70
  2. A Sad Moon Concealed by Pines 70
  3. An Eternal Snowfall Will Come 65
  4. Sidereal Hypothermia 60
  5. Winterreise (Coldworld cover) S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 04.10.2017. Articolo letto 1549 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.