Iza Grau «Days Are Nothing» (2017)

Iza Grau «Days Are Nothing» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
28.09.2017

 

Visualizzazioni:
136

 

Band:
Iza Grau
[MetalWave] Invia una email a Iza Grau [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Iza Grau [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Iza Grau [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Iza Grau [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Iza Grau [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Iza Grau

 

Titolo:
Days Are Nothing

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Luca Amadessi :: voce;
- Sergio P. Cardinali :: chitarra;
- Roberto Fordiani :: batteria;
- Giuseppe Longone :: basso;
- Alessandro Stefani :: chitarra;
- Matteo Lancellotti :: tastiera;

 

Genere:
Dark Rock

 

Durata:
17' 8"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
05.08.2017

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Formati nel 2016, i modenesi Iza Grau, mettono su supporto digitale questo loro primo Ep di quattro tracce intitolato “Days Are Nothing” strutturando le proprie aspirazioni musicali su un dark rock shaped particolarmente moderno oltre che supportato da effetti di tastiera diretti ad offrire quel tocco oscuro per ciascun brano. Il clean vocale seppur apprezzabile ed intonato, risulta non particolarmente espressivo e difficilmente si sbilancia dando in definitiva un senso quasi di inespressività anche incentivato dal contesto Dark che caratterizza l’Ep. “Days are nothing” mette subito in chiaro le cose con la propria moderazione e i contesti dark, quasi rock, offrendo un ascolto dall’ esito apprezzabile nonostante le dinamiche mai troppo variopinte. Segue “Goat Poetry Summer” che non si discosta molto dal precedente ed offre una maggiore dose di fantasia nelle ritmiche moderate e futuriste; prosegue l’ascolto con “Generator”, dove una chitarra non distorta dà quel giusto impulso per creare un piacevole motivo di synth in grado di caratterizzare, attraverso un paio di variazioni, l’intero brano con una soluzione conclusiva quasi divertente; “Endless dance” si mantiene nella linea compositiva dei precedenti brani caratterizzandosi con le orami note e varie soluzioni in synth. L’Ep ci presenta una band che ad avviso di chi scrive, pur sviluppando delle piacevoli sonorità, pecca un po’ di poca fantasia dando luogo spesse a situazioni similari nei contenuti.

Track by Track
  1. Days are nothing 60
  2. Goat Poetry Summer 60
  3. Generator 65
  4. Endless dance 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 50
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
58

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 28.09.2017. Articolo letto 136 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.