Signatura Rerum «The Legend 1» (2017)

Signatura Rerum «The Legend 1» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
20.09.2017

 

Visualizzazioni:
156

 

Band:
Signatura Rerum
[MetalWave] Invia una email a Signatura Rerum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Signatura Rerum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Signatura Rerum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Signatura Rerum

 

Titolo:
The Legend 1

 

Nazione:
Romania

 

Formazione:
Paul Silaghi :: Bass
Morgul :: Drums
Varcolac :: Lead Guitars
Stihia :: Guitars
Avram Stefan :: Keyboards
Echivoc :: Vocals

 

Genere:
Symphonic Black Metal

 

Durata:
41' 2"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.10.2017

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Davvero incoraggiante il secondo album dei romeni Signatura Rerum da Timisoara, uscito autoprodotto e che ci propone circa 41 minuti di un black metal sinfonico affascinante e molto suggestivo.
“The Legend 1” tuttavia comincia quasi sottotono, con un intro un po’ troppo lungo e appena l’inizio della prima vera canzone con arrangiamenti un po’ strani, ma sono bazzecole: da qui in poi mostra di cosa è capace, con un’ottima compattezza di fondo e amalgama degli interventi degli strumenti che denotano una band capace di cambiare marcia nei brani, usando parti veloci e con riffs inconsueti di chitarra, ma anche voci pulite su parti lente o potenti mid tempos austeri, il tutto però sempre con una grande atmosfera che non scema mai, andandomi a ricordare le prime cose dei Negura Bunget, tipo “Sala Molksa”. Lo so, è scontato paragonare i SR con i Negura Bunget solo per via della nazione di provenienza, ma il songwriting di questo sestetto presenta diversi punti in comune con la band del fu Negru e insisto per questo paragone musicale, magari non molto originale ma invero molto comunicativo e decisamente riuscito. E si continua a viaggiare su picchi molto elevati nelle due “Legion and Order”, la prima molto epica e con tastiere, ma dove le cesellature delle chitarre soliste svolgono il ruolo principale rendendola estremamente poliedrica, così come la seconda, capace di alternare parti rabbiose ad altre più keyboard oriented e drammatiche, per un risultato davvero notevole. Conclude una “Sand and Wine Pt. 1” (l’ultima è un breve outro) che in 11 minuti sguinzaglia il lato più avantgarde e progressivo della band, meno diretto e per questo meno feroce ma comunque atmosferico ed evocativo.
Insomma: forse “The Legend 1” non è del tutto originale, ma rappresenta una band che pur camminando nei lidi dei primi Negura Bunget sa riproporne in maniera eccellente le atmosfere, unite a delle parti più black metal e tirate che rappresentano il vero punto di personalità dei Signatura Rerum, mostrando potenzialità di evoluzione e di fare ancora meglio in futuro. Questa è una band da seguire con attenzione e entusiasmo, il cui album è molto consigliato per gli amanti del black metal atmosferico ma tirato e grintoso.

Track by Track
  1. Rise and fall pt.1 - Intro S.V.
  2. Rise and fall pt.2 80
  3. Legion and Order part 1 85
  4. Legion and Order part 2 85
  5. Sand and wine part 1 75
  6. Sand and wine part 2 - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 20.09.2017. Articolo letto 156 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.