Three Eyes Left «The Cult of Astaroth» (2017)

Three Eyes Left «The Cult Of Astaroth» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
14.09.2017

 

Visualizzazioni:
1029

 

Band:
Three Eyes Left
[MetalWave] Invia una email a Three Eyes Left [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Three Eyes Left

 

Titolo:
The Cult of Astaroth

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Maic Evil :: voice-guit;
- Andrew Molten :: bass;
- K. Luther Stern :: drum;

 

Genere:
Doom / Sludge / Heavy Psych

 

Durata:
1h 9' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
15.09.2017

 

Etichetta:
Argonauta Records
[MetalWave] Invia una email a Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argonauta Records

 

Distribuzione:
Goodfellas
[MetalWave] Invia una email a Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Goodfellas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Goodfellas
Cargo Records
[MetalWave] Invia una email a Cargo Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cargo Records
Bertus
[MetalWave] Invia una email a Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Bertus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Bertus

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Influenze heavy psichedeliche miscelate a doom e stoner rappresentano in sostanza lo stile più che collaudato con cui i bolognesi Three Eyes Left rilasciano anche questo terzo lavoro intitolato “The Cult of Astaroth” dal sapore ipnotico e caratteristiche di sonorità fuzz stoner doom dal rilevante effetto. Ciò che si apprezza di questo lavoro è in sostanza la buona dose di fantasia che band ricava dal contesto strumentale in sé oltre che dalla discreta soluzione del cantato clean acerbo ma mai troppo irruento. Le andature dinamiche ben si miscelano con gli effetti caratteristici del genere creando scenari sonori particolarmente aridi dai quali emerge sempre ninfa da assaporare. I nove brani proposti, tutti di durata medio lunga, appaiono ben composti se si analizza anche l’abnorme dose di psichedelica che va a contraddistinguerli rendendo il tutto, tra un distorto e l’altro, complessivamente appagante ma mai decisamente noioso. Le andature sono lente, ristagnanti ma allo stesso tempo d’effetto, difficilmente ci si annoia durante l’ascolto del disco proprio per le numerose sfaccettature che di colta in volta emergono. Tra i migliori brani si segnalano “Spiritic Signals Through the Beyond” lenta ma indubbiamente fantasiosa quanto basta, “Demon Cult”, nel quale a fare la differenza è il buon doom che non lascia affatto indifferenti ma sorpresi e il conclusivo “..And the God Will Die”, dove si assiste ad un inedito clean rauco in alternanza ad un growl schietto che ben si armonizzano in un contesto doom particolarmente affabile nei contenuti. Un disco che non smentisce la band ma che ne conferma, ad avviso di chi scrive, un potenziale decisamente diverso dal comune.

Track by Track
  1. Sons of Aries 70
  2. You Suffer...I the Evil Dead 70
  3. Spiritic Signals Through the Beyond 80
  4. Chants into the Grave 75
  5. The Satanist 70
  6. Demon Cult 80
  7. De Umbrarum Regni 70
  8. Funeral of an Exorcist 70
  9. ..And the God Will Die 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 14.09.2017. Articolo letto 1029 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.