Dustrider «Event Horizon» (2017)

Dustrider «Event Horizon» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
22.08.2017

 

Visualizzazioni:
1160

 

Band:
Dustrider
[MetalWave] Invia una email a Dustrider [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dustrider [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dustrider [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Dustrider

 

Titolo:
Event Horizon

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Keoma :: Bass;
- Brüno :: Guitar, fuzz, Synth;
- Krundaal :: Percussions;

 

Genere:
Stoner / Heavy Psych

 

Durata:
41' 52"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
19.05.2017

 

Etichetta:
Argonauta Records
[MetalWave] Invia una email a Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Argonauta Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Argonauta Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dopo l’uscita di un Ep nel 2015 esordiscono ufficialmente i romani Dustrider con questo “Event Horizon”, un nove tracce strumentali disposte su sonorità decisamente miscelate tra sludge, stoner doom ed heavy metal. L’ascolto del lavoro è particolarmente incentrato su sonorità distorte e ruvide all’interno delle quali la band raggiunge al meglio l’obiettivo prefissatosi ovvero quello di realizzare un qualcosa di personale in grado di far colpo sull’ascoltatore. Tra le andature moderate della band non mancano certamente richiami ad un qualcosa di più psichedelico, quasi spaziale, generato senza distorti ma con sonorità dal sapore quasi arido che ben spezzano i contesti più carichi offerti dai caratteristici effetti. I brani complessivamente scorrono in maniera decisamente rapida e ad ogni ascolto riescono ad offrire sempre qualcosa che precedentemente poteva essere sfuggito; la chitarra nel corso dei suoi riff non troppo elaborati, riesce ad offrire quella giusta dose di carica capace di rendere sin da subito attraente ogni singolo brano che a poco a poco muta nel contesto strutturale e non rimanere quasi mai fossilizzato sulle stesse andature. L’esordio di questa band non lascia affatto indifferenti e ben si contestualizza in un qualcosa di trascendentale che ci trasporta al di là del terreste; forse un apporto vocale potrebbe amplificarne non poco l’effetto.

Track by Track
  1. Warped 70
  2. Cosmo 75
  3. They Live ! 70
  4. Fallout Crimina 70
  5. Agharta 75
  6. Stratosphere 70
  7. Event Orizon 70
  8. Ultima IV 65
  9. Dust Devil 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 22.08.2017. Articolo letto 1160 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.