Klynt «Faustbreaker» (2017)

Klynt «Faustbreaker» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
30.07.2017

 

Visualizzazioni:
321

 

Band:
Klynt
[MetalWave] Invia una email a Klynt [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Klynt [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Klynt [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Klynt

 

Titolo:
Faustbreaker

 

Nazione:
Austria

 

Formazione:
- Alex :: drums;
- Dadu :: voice;
- Flavius :: guitars;
- Lexi :: bass;

 

Genere:
Power Thrash

 

Durata:
53' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I power thrashers austriaci Klynt rilasciano questo secondo album intitolato “Faustbreaker” caratterizzando in dieci brani ivi pressati un particolare genere come quello poc’anzi citato i cui contenuti appaiono particolarmente moderati e ottimali nelle iniziative. Indubbiamente ciò che mi lascia assai perplesso è il modus opererandi del cantato che utilizza un clean particolarmente basso dalle sembianze spesso riconducibili quasi ad un growl che per il genere suonato indubbiamente poco si addice. Detta condizione compromette in parte l’operato della band pur se le strutture dei brani e le ritmiche risultano assolutamente convincenti. Ed infatti se dovessimo valutare il disco per il solo assetto strumentale meriterebbe delle buone votazioni anche se in ogni caso di cavalcate power o contesti cazzuti in thrash non c’è poi tanto margine apparendo il tutto fortemente riconducibile ad un power particolarmente propenso all’hard rock. L’attenzione ricade in ogni caso quasi su tutte le tracce con particolare riferimento a “Operation: Enmarteration” per la splendida intuizione ritmica adottata dalla band, situazione questa che inevitabilmente ricade anche nella successiva “Deadly Prey”, un brano all’interno del quale ricadono in maniera abbastanza accentuata contesti melodici tutti da ascoltare per una base strumentale particolarmente cattiva rispetto a quanto sin ora ascoltato; buono anche il contenuto di “Uuberfeist”, dall’assetto ritmico molto heavy e poco power, ricco di iniziative ritmiche da ascoltare e riascoltare; immancabile un brano quasi a mò di ballata per “Absent Friends” soprattutto nella prima parte; un vero power ci viene proposto dalla band in “Kitsune” dinamico e divertente; la sfuriata conclusiva di “Thrash FM” appare indimenticabile proprio per la sua cattiveria che purtroppo pur essnedo speciale pare essere sin troppo divelta dall’inappropriato cantato. Un buon disco sotto il profilo strutturale compositivo dei brani ma deludente sull’assetto della parte cantata.

Track by Track
  1. Faustbreaker 60
  2. Thrashotron 60
  3. Operation: Enmarteration 70
  4. Deadly Prey 70
  5. Allegiance Of Wolves 65
  6. Uuberfeist 65
  7. To Absent Friends 70
  8. Kitsune 75
  9. Epicness Iniziateds...Good Mode 65
  10. Thrash FM 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
68

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 30.07.2017. Articolo letto 321 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.