Electric Swan «Windblown» (2017)

Electric Swan «Windblown» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.07.2017

 

Visualizzazioni:
432

 

Band:
Electric Swan
[MetalWave] Invia una email a Electric Swan [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Electric Swan [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Electric Swan

 

Titolo:
Windblown

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Lucio Calegari :: Guitar
Monica Sardella :: Vox
Vincenzo Ferrari :: Bass
Alessandro Fantasia :: Drums

 

Genere:
Prog / Stoner

 

Durata:
1h 0' 19"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Black Widow Records
[MetalWave] Invia una email a Black Widow Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Black Widow Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Non c’è niente da fare: in un’epoca dove si fa a gara a chi è più old school o fedele alla linea (solo a parole o a fatti non è importante) in tanti generi musicali, la Black Widow tira fuori un gruppo dopo l’altro che, senza sforzo, sguazza perfettamente con le sonorità rock del passato.
L’ennesimo esempio è dato dal nuovo “Mindblown” degli Electric Swan da Piacenza, un disco che dura poco più di un’ora e che stupisce per quanta voglia di fare rock è condensata in esso, sia quando si parla della vibrante opener “Cry your eyes out”, sia quando si parla di aggiungere funk e fiati in “Face to face”, sia quando si va sul diretto nella irresistibile “Leaves”, sia quando si va più su sonorità stoner, come in “Carried by the wind” e “Loosing time”. I brani sono mediamente lunghi, eppure convincono appieno per le qualità mostrate ed è incredibile notare come non suonano per nulla allungati né pretenziosi. Gli Electric Swan rispondono a ogni dubbio con la freschezza compositiva dei riffs, degli assoli e di un’impostazione vocale che non teme rivali più per efficacia che per estensione vocale, e mostrano così tante capacità che si possono anche permettere una lunga suite strumentale in “Beautiful Bastards” che dura 7 minuti senza che suoni esagerata, ed il risultato complessivo dell’album semplicemente ti stende per le capacità mostrate sia nei brani che nel disco in tutto il suo insieme.
Non c’è molto altro da dire, ma in compenso c’è moltissimo da sentire, come spesso succede per le uscite discografiche di questa label: “Mindblown” è un disco che rispecchia una band più che capace di fare il proprio genere musicale e che praticamente ti costringe a sederti e a prestare attenzione all’ascolto di un brano dopo l’altro. Per i fanatici del rock in tutti i sottogeneri questo è un disco da non perdere.

Track by Track
  1. Cry your eyes out 80
  2. Face to face 85
  3. Bad mood 80
  4. Leaves 85
  5. Loosing time 85
  6. A good man’s brother 85
  7. Beautiful bastards 80
  8. Carried by the wind 80
  9. Here is nowhere 75
  10. If I’m lucky I might get picked up 80
  11. Windblown - Intermezzo S.V.
  12. Midnight Master 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.07.2017. Articolo letto 432 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.