Perpetual Fire «Bleeding Hands» (2017)

Perpetual Fire «Bleeding Hands» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
04.07.2017

 

Visualizzazioni:
887

 

Band:
Perpetual Fire
[MetalWave] Invia una email a Perpetual Fire [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Perpetual Fire [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Perpetual Fire [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Perpetual Fire

 

Titolo:
Bleeding Hands

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Voice - Roby Beccalli
Guitar - Steve Volta
Bass - Mark Zampetti
Drums - Cisco Lombardi
Keyboards - Mauro Maffioli

 

Genere:
Power Metal

 

Durata:
48' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Sleaszy Rider Records
[MetalWave] Invia una email a Sleaszy Rider Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sleaszy Rider Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Sleaszy Rider Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Un ritorno degno di nota quello dei Perpetual Fire, band formatasi praticamente nel lontano 1999.
La cosa interessante di gruppi simili è che il passare degli anni non ha scalfito la passione e l'energia del loro lavoro, quindi è sempre con una nota di ammirazione che mi appresto a commentare questo ultimo album.
Bleeding Hands è un ottimo prodotto perché sviluppato con alla base esperienza e una gran varietà di idee.
Il power metal suonato ha la peculiarità di sfiorare sonorità a tratti più hard rock, senza tuttavia sconfinare realmente in altri generi.
Abbiamo quindi pezzi energici e power come Psycho Cancer, oppure più heavy (When you'e dead) e pure una bella ballad (Let The Snow), brano sofistico che fa emergere il lato più melodico dei Perpetual Fire.
Personalmente, è con piacere che vi consiglio questo Bleeding Hands perché è un'opera che non rinnega le origini, suonando comunque piuttosto moderno e non stucchevole.
I nostri hanno tanto da dire e lo fanno con la giusta dose di sapienza e umiltà. Bravi e pure belli, come solo i veri metallari sanno essere.

Track by Track
  1. Psycho Cancer 80
  2. Scrambled 80
  3. Queen of Honor 85
  4. Bloody apple 80
  5. Tush 80
  6. Look beyond the Night 80
  7. When you're dead 85
  8. Crimson Twilight 80
  9. Let the Snow 85
  10. A new World begins 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
80

 

Recensione di reira » pubblicata il 04.07.2017. Articolo letto 887 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.