Blackmail of Murder «Cold Rain» (2017)

Blackmail Of Murder «Cold Rain» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
22.06.2017

 

Visualizzazioni:
1236

 

Band:
Blackmail of Murder
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Blackmail of Murder [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Blackmail of Murder

 

Titolo:
Cold Rain

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Claudio Olivari :: Vocals;
- Pierlorenzo Molinari :: Vocals;
- Davide Sgarbi:: Guitar, Chorus;
- Antonio Proietti :: Guitar, Chorus;
- Alex Castellini :: Bass;
- Fabio John Nassa :: Drums;

 

Genere:
Rock / Metal

 

Durata:
27' 12"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
IndieBox Music
[MetalWave] Invia una email a IndieBox Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di IndieBox Music

 

Distribuzione:
Self Distribuzione
[MetalWave] Invia una email a Self Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Self Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Self Distribuzione

 

Agenzia di Promozione:
Indiebox
[MetalWave] Invia una email a Indiebox [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Indiebox [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Indiebox [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Indiebox

 

Recensione

A distanza di meno di un anno dall’uscita del loro secondo lavoro tornano sulle esce i Blackmail of Murder con questo Ep “Cold Rain” di sei tracce inclusive di una cover appartenente alla cantante britannica Imogean Heap ed all’interno del quale ciò che denota subito una certa differenza con la precedente uscita è il miglioramento stilistico oltre che l’ingresso in line up del nuovo vocalist Molinari che va ad affiancare il già presente e tonante Olivari agli scream e growl annessi amplificandone non poco le capacità. Ventiquattro minuti risultano più che sufficienti a delineare il nuovo assetto della band confermandocene l’indiscussa capacità anche se il genere resta digeribile sino ad un certo punto. Strumentalmente si delineano impronte più che evidenti di metalcore non scevre di segmenti di prog, groove e rock elettronico. I brani scorrono in maniera decisamente rapida tenendo conto sia delle numerosi parti melodiche che dei potenti assetti metalcore che vanno a caratterizzare buona parte dell’Ep. Splendido il clean vocale e le alternanze che vanno a contraddistinguerlo con lo screm growl, al pari dei lead solo semi viruosi che caratterizzano le parti conclusive di alcuni brani. “Crystal Clear” appare più che altro come un caratteristico quanto classico metal moderno dove a vincere è l’indiscusso songwriting e la modalità proposta delle parti cantati soprattutto nello splendido ritornello; seguono “Indigo” e “Compassion” di cui il primo già noto per un videoclip già on line, mentre il secondo offre la conferma della presenza di un clima costante che non mostra mai cedimenti. Anche “Gear” e “Foreign Bodies” mantengono alta la linea compositiva della band offrendo strutture compatte dinamiche e ricchissime di melodie; si giunge alla conclusiva cover “Hide and Seek” brano utilizzato su alcuni film e serie TV. L’Ep ci conferma che la band ha molte chance a proprio favore e se presupposti sono questi, beh sentiremo molto presto parlare ancora bene di loro.

Track by Track
  1. Crystal Clear 70
  2. Indigo 75
  3. Compassion 75
  4. Gears 75
  5. Foreign Bodies 75
  6. Hide and Seek S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 22.06.2017. Articolo letto 1236 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.