Sincarnate «In Nomine Homini» (2017)

Sincarnate ĞIn Nomine Hominiğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
11.06.2017

 

Visualizzazioni:
460

 

Band:
Sincarnate
[MetalWave] Invia una email a Sincarnate [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sincarnate [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sincarnate [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Sincarnate [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Sincarnate [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Sincarnate [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Sincarnate [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sincarnate

 

Titolo:
In Nomine Homini

 

Nazione:
Romania

 

Formazione:
Giani Stanescu :: Guitars
Marius Mujdei :: Vocals
Cristian :: Guitars
Zala :: Bass
Andrei Jumuga :: Drums

 

Genere:
Death Metal / Doom Death

 

Durata:
1h 1' 37"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Hatework Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Hatework Records

 

Distribuzione:
Universal Music Distribution

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ed ecco, per me, la new sensation in ambito death metal atmosferico: i Sincarnate da Bucarest!
Presentati come una band doom/death, in realtà in questo “In nomine homini” ci propone ben 61 minuti e mezzo di una musica che in realtà suona sempre chiaramente death metal, ma i cui compositori mostrano un debole per parti atmosferiche più che aggressive, seppur su tempi di batteria molto spesso veloci e solo a tratti più rallentati ma comunque mai doom. Ma il vero punto di forza dei Sincarnate viene appena accennato nella opener “Attende Domine” ed esplode nei brani successivi: una coralità stupefacente, che prende parti cantate con voce pulita dal tocco vagamente teatrale, e le inserisce perfettamente nel contesto dei brani. Questo lo si nota sia in “Agrat Bat Mahlat”, che soprattutto nella molto originale “Curriculum Mortis”, in cui trovate più eclettiche come un arpeggio sul blastbeat contribuisce a donare stravaganza quasi avantgarde su di un brano che comunque rimane molto potente, anche se l’evocatività dei brani tocca il suo picco nella quarta e quinta canzone, dove l’incursione di tutte le componenti del sound suddette viene dosata in maniera eccellente, semmai aggiungendo ulteriori dettagli come la chitarra solista, ma il risultato qui è ai massimi livelli del disco per quanto riguarda la componente atmosferica, mentre le parti più brutali non mancano in altri brani e ci ricordano la pesantezza di cui è capace questa band, leggasi la fine della sesta canzone.
Questa è solo metà dell’album, e la descrizione di soli questi brani è comunque sufficiente a descrivere la competenza di “In nomine homini”, un disco fatto da una band che maneggia l’atmospheric death metal con una sapienza impressionante, e che per tutto l’album mi ha fatto pensare che varrebbe la pena di vederli da live prima di bands come Rotting Christ o Septic Flesh, per la spiccata vena atmosferica eppure aggressiva e a volte maestosa di questi brani che non stonerebbe. Certo, la seconda metà del disco pur non calando mai di livello vede forse i Sincarnate ripetersi un po’ e fare dei brani che, seppur belli e non sfiguranti coi brani in apertura, non agiungono molto a quanto già detto prima, se si eccettua la grandiosa “Liwyatan”, tra le migliori dell’album, ma è un piccolo difetto di cui, francamente, non me ne importa: “In Nomine Homini” è un grande album ed è assolutamente consigliato agli amanti del death e del black più atmosferico, nonché anche molto consigliabile a chi cerca un album death metal non troppo fissato con la tecnica. Che sorpresa!

Track by Track
  1. Attende Domine 80
  2. Agrat Bat Mahlat 85
  3. Curriculum Mortis 85
  4. She-Of-The-Left-Hand (Pistis Sophia) 90
  5. In Nomine Homini 90
  6. The grand inquisitor 85
  7. Lamentatio christi 80
  8. Dies Illa 80
  9. Liwyatan 90
  10. De luctum perpetuum 85
  11. Atonement 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
84

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 11.06.2017. Articolo letto 460 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.