Less Than Jake «Sound The Alarm» (2017)

Less Than Jake «Sound The Alarm» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
20.05.2017

 

Visualizzazioni:
445

 

Band:
Less Than Jake
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Less Than Jake [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Less Than Jake [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Less Than Jake [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Less Than Jake

 

Titolo:
Sound The Alarm

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
JR Wasilewski :: Sax
Vinnie Fiorello :: Drums, Lyrics
Buddy Schaub :: Trombone
Roger Lima :: Vox, Guitar, Bass
Chris Demakes :: Vox, Guitar

 

Genere:
Ska Punk Metal

 

Durata:
20' 54"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
03.02.2017

 

Etichetta:
Pure Noise Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pure Noise Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Pure Noise Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
PR Lodge Music Promotion
[MetalWave] Invia una email a PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di PR Lodge Music Promotion

 

Recensione

Nuovo Ep per i Less than Jake che fanno ska/punk e che risultano attivi da nientemeno che 25 anni, che in poco meno di 21 minuti ci donano 7 canzoni semplici semplici, dirette e godibili per i fans di questo genere, a volte che mi vanno a ricordare i primi Bad Religion, ma sempre con quei fiati che fanno virare le canzoni su lidi più ska, specie se accompagnati da alcuni rallentamenti vagamente più reggae che condiscono il tutto e lo rendono tipicamente da spiaggia.
L’ascolto di questo “Sound the Alarm”, ennesimo sforzo di una discografia davvero sterminata, si rivela quindi più che piacevole, a volte divertente e simpatico come nelle prime due canzoni, e altre volte più calmo e cadenzato come in “Welcome to my life” o “Years of living dangerously”, passando per la più folle e scatenata “Good sign”, tanto semplice da sentire quanto diretta, incalzante e appassionante. Non c’è molto altro da dire per questa release, il frutto di una band genuina e onesta e che con poco sforzo riesce a farci divertire tanto. Consigliabilissimo per gli amanti del genere.

Track by Track
  1. Call to arms 70
  2. Whatever the weather 70
  3. Bomb drop 70
  4. Welcome to my life 70
  5. Good sign 75
  6. Years Of Living Dangerously 70
  7. Things change 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 20.05.2017. Articolo letto 445 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.