Angel Martyr «Black Book: Chapter One» (2017)

Angel Martyr «Black Book: Chapter One» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
13.05.2017

 

Visualizzazioni:
187

 

Band:
Angel Martyr
[MetalWave] Invia una email a Angel Martyr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Angel Martyr [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Angel Martyr

 

Titolo:
Black Book: Chapter One

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Tiziano Sbaragli :: Vox, guitars
Dario Rosteni :: Bass
Francesco Taddei :: Drums

 

Genere:
Epic Heavy Metal

 

Durata:
58' 9"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.03.2017

 

Etichetta:
Iron Shield Records
[MetalWave] Invia una email a Iron Shield Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Iron Shield Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Iron Shield Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Iron Shield Records

 

Distribuzione:
Soulfood Music
[MetalWave] Invia una email a Soulfood Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Soulfood Music

 

Agenzia di Promozione:
Pure Steel Promotion
[MetalWave] Invia una email a Pure Steel Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pure Steel Promotion

 

Recensione

Il primo album dei Livornesi Heavy metallers Angel Martyrs è purtroppo il tipico caso di band che pur avendo gli ingredienti in regola per fare un bell’album, finisce per sbagliare le dosi rovinando gran parte di ciò che di buono questi ragazzi sanno fare. Fuor di metafora, gli AM sanno comporre questo genere musicale, composto da un po’ di heavy metal predominante tipo Warlock a volte, Saxon in altri e un po’ di speed e power, ma non riescono a regolarsi con la durata delle canzoni, tutte troppo lunghe e che si perdono in ripetizioni e in altri orpelli non necessari, che appesantiscono notevolmente il risultato finale rendendo il tutto decisamente più difficile da digerire.
Ed è un peccato perché l’album è costellato di bei riffs scarni e diretti nonché di passaggi dove gli AM mostrano una bella compattezza sonora sulla scia delle band suddette e con una generosa mano data dagli Iron Maiden di dischi come “Brave new world” o “Accident of birth” di Bruce Dickinson, che risaltano nella seconda e nella terza canzone, mentre la quinta e la sesta propongono attacchi più veloci e che si appoggiano allo Speed Metal, ma dove il problema persiste ed è aggravato parzialmente da dei ritornelli che si sa quando cominciano, ma non si sa di preciso quando finiscono, durando troppo e appesantendo ulteriormente il tutto, che non a caso trova maggiore sollievo nella omonima e conclusiva “Angel Martyr”, più corta di altre e per questo meno ripetitiva.
Questo, in pratica, è il discorso per “Black Book Chapter One”, un disco a grandi linee ascoltabile e divertente, ma che possiede questo difetto abbastanza brutto e che rende il tutto un bel po’ prolisso e anche un po’ statico, paragonabile ad ascoltare le canzoni dei primi Saxon ma allungate a dismisura nella durata e per questo troppo diluite e poco saporite. Confidiamo che si tratti di un errore di gioventù e che verrà risolto col tempo, ma per ora l’esito di questo disco è discreto e nulla più, d’altronde già i mostri sacri del genere patiscono un po’ su questi minutaggi a meno che non siano infarciti di molta atmosfera o di lunghissimi assoli di chitarra. Consigliato ai fan irriducibili del metal classico e pochi altri.

Track by Track
  1. Obsequies - Intro S.V.
  2. They… Among us 70
  3. Victims 65
  4. Eric the conqueror 60
  5. Midnight traveller 70
  6. Turn on the fire 65
  7. Pirate song 60
  8. On the divine battlefield 60
  9. Angel Martyr 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
64

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 13.05.2017. Articolo letto 187 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.