Sailing To Nowhere «Lost In Time» (2017)

Sailing To Nowhere ĞLost In Timeğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
03.05.2017

 

Visualizzazioni:
822

 

Band:
Sailing To Nowhere
[MetalWave] Invia una email a Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Sailing To Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sailing To Nowhere

 

Titolo:
Lost In Time

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marco Palazzi- Voice
Helena Pieraccini - Voice
Alessio Contorni - Keyboards ( Fabio Frizzi)
Andrea Lanzillo - Guitars
Emiliano Tessitore - Guitars
Carlo Cruciani- Bass ( Nevruz)
Giovanni Noè - Drums

Clara Trucchi: Voice & Chorus

 

Genere:
Melodic Power Metal

 

Durata:
40' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.04.2017

 

Etichetta:
Undeground Symphony Records
[MetalWave] Invia una email a Undeground Symphony Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Undeground Symphony Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Sailing To Nowhere ci propongono un album che, nel suo complesso e per le tematiche trattate, risulta essere piacevole.
Il genere in questione è un buon power metal in chiave melodica, ma che a tratti ha tirato fuori una buona dose di energia. Diciamo pure che non si tratta di un lavoro noioso, seppur non porti nulla di innovativo, è comunque un piacere perdersi nel loro mondo.
Sebbene il sound possa a volte sembrare quasi old school, Marco ed Helena (con l'aiuto della corista Clara Trucchi) riescono a intrecciare sapientemente le loro voci e a valorizzare ogni pezzo.
Ho trovato molto armoniose Apocalypse e Start Again, mentre pezzi come Suffering In Silence e Our Last Night on Earth sono più energiche, quasi dark; in New Life, invece, troviamo un brano adatto ai live.
A tutto questo aggiungiamo delle tastiere che danno man forte, grazie ad Alessio Contorni, e delle chitarre che si fanno sentire senza risultare invadenti (Emiliano e Andrea).
Essendo una band abbastanza giovane, credo che le basi siano state piantate saldamente e che i Sailing To Nowhere siano riusciti a farsi ispirare, senza imitare nessuno.
Un buon inizio che spero li porterà lontano. Consigliato agli amanti Avantasia e Sonata Arctica.

Track by Track
  1. Lost in time S.V.
  2. Scream of the world 70
  3. Ghost city 70
  4. Apocalypse 75
  5. Suffering in silence 70
  6. Our last night on earth 75
  7. Fight for your dreams 70
  8. A new life 75
  9. Start again 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di reira » pubblicata il 03.05.2017. Articolo letto 822 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.