Athlantis «Chapter IV» (2017)

Athlantis «Chapter Iv» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
30.04.2017

 

Visualizzazioni:
881

 

Band:
Athlantis
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Athlantis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Athlantis

 

Titolo:
Chapter IV

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Steve Vawamas :: Bass, Keyboard;;
- Pier Gonnella :: Guitas;
- Francesco La Rosa :: Drums;
- Alessio Calandriello :: Vocals;
- Gianfranco Puggioni :: Guitars;

 

Genere:
Heavy Power Metal

 

Durata:
0' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2017

 

Etichetta:
Diamonds Prod
[MetalWave] Invia una email a Diamonds Prod [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Diamonds Prod

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Torna sulle scene la band ligure degli Athlantis con dieci tracce nuove di zecca e racchiuse su “Chapter IV”, un disco heavy power metal dai toni particolarmente melodici come si evince dall’ascolto del lavoro. Ciò che risulta particolarmente ottimizzato all’interno del disco è indubbiamente la potenza e l’espressività massima del clean vocale che fa indubbiamente la differenza così come anche la struttura dei singoli brani che non deludono affatto nella loro architettura le aspettative dei fan sostenitori della band. Buona la proposta delle due chitarre sia nei riff d’apertura che nelle classiche cavalcate power mentre la ritmica della batteria, indubbiamente ben fatta, appare quasi sin troppo carica di blast beat, ma nel complesso il tutto risulta coordinato e bilanciato correttamente. L’opener “The Terror Begin”, caratterizza al meglio la proposta power di cui la band si rende protagonista con il proprio stile; seguono poi “Master of My Fate” e “ Ronin”, due brani dimostrano al meglio anche le indiscusse propensioni heavy metal e hard rock generate dalla diversificazione ritmica sia dell’accompagnamento delle chitarre che della batteria; inutile trovare falde nella parte vocale ottima in questo lavoro dall’inizio alla fine; si prosegue poi con “Our Life”, dai toni leggermente più oscuri rispetto alle precedenti dove si percepisce anche il buon lavoro del basso nelle accentuazioni ritmiche e con “The Endless Road”, altra traccia mista tra power e melodici considerando il sottofondo alternato in synth; “Crock of the Moud” una traccia particolarmente malinconica che si incentra sul motivo d’apertura dando adito ad un heavy metal moderato ma d’effetto; “Face your Destiny” e “ Just Fantasy” si alternano offrendo spazi sonori e vocali espressivi al massimo; “Reset” un nuovo heavy power ci conduce allo strumentale e conclusivo “The Final Scream”, una traccia questa dove emergono al meglio le doti di ciascun musicista coinvolto nel disco. Il lavoro si rileva nel complesso ben fatto e dà la prova che questa band, anche se potrebbe offrire qualcosa di più fantasioso e maggiormente creativo, può migliorarsi al meglio lasciandosi, per il momento, apprezzare così.


Track by Track
  1. The Terror Begin 70
  2. Master of My Fate 75
  3. Ronin 75
  4. Our Life 70
  5. The Endless Road 70
  6. Crock of the Moud 70
  7. Face your Destiny 75
  8. Just Fantasy 70
  9. Reset 75
  10. The Final Scream 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 30.04.2017. Articolo letto 881 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.