Ruins Of Elysium «Seeds Of Chaos And Serenity» (2017)

Ruins Of Elysium «Seeds Of Chaos And Serenity» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
23.04.2017

 

Visualizzazioni:
308

 

Band:
Ruins Of Elysium
[MetalWave] Invia una email a Ruins Of Elysium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ruins Of Elysium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Ruins Of Elysium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Ruins Of Elysium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Ruins Of Elysium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Ruins Of Elysium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Ruins Of Elysium

 

Titolo:
Seeds Of Chaos And Serenity

 

Nazione:
Brasile / Italia

 

Formazione:
Drake Chrisdensen – Tenor
Vincenzo Avallone – Guitars and Bass
Icaro Ravelo – Drums and Synths

 

Genere:
Epic Symphonic Metal

 

Durata:
1h 15' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
04.04.2017

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Un album a dir poco complesso quello dei Ruins of Elysium, il quale viene sapientemente proposto attraverso il primo singolo estratto: Serpentarius, terza traccia e la più orecchiabile.
Il genere in questione potrebbe essere catalogato nell'epic metal, ma a tratti è un pò più speed e graffiante grazie a un buon uso delle chitarre, in altri momenti è più sinfonico. Diciamo che questo ampio spettro di genere è anche dovuto ai temi trattati e al legame che la band mostra con videogames e con la serie di Sailor Moon. Scelta simpatica e a tratti interessante, ma non mi ha convinta totalmente.
Le undici songs, al di la del concept, sono suonate bene: ci sono pezzi più epic-metal (Shadow of Colossus), più orecchiabili (Serpentarius)e spesso complessi (Beyond the witching Hour, una delle più apprezzabili).
Per gli appassionati di Sailor Moon, giusto per intenderci, c'è un occhio di riguardo con le cinque songs finali: più di metà album è concentrato in questo punto.
Vari cambi di tempo, dovuti ovviamente a ciò che viene narrato, l'interpretazione vocale si fa intensa e a tratti eccessiva, come se proseguisse al di là di ciò che viene suonato. Strano aspetto. Ciò non toglie che lo sforzo compositivo è elevato, anche se non così strettamente necessario. In fondo siamo qua per ascoltare un buon disco in Santa Pace, ma ognuno se la canta e se la suona come meglio crede.
Mettiamola così: Seeds of Chaos and Serenity può essere molto gradito agli appassionati del genere, più che altro a chi ascolta con un profondo interesse le colonne sonore di film, anime e videogames.
Per chi, invece, vuole un qualcosa di più easy catchy o più heavy, girate altrove.

Track by Track
  1. Kama Sutra 60
  2. Shadow of the Colossus 65
  3. Serpentarius 70
  4. Beyond The Witching Hour 70
  5. Iris S.V.
  6. The Birth Of A Goddess 65
  7. Seeds of Chaos and serenity Arc 1: Crystal S.V.
  8. Seeds of Chaos and serenity Arc 2: black moon 65
  9. Seeds of chaos and serenity Arc 3: infinity 65
  10. Seeds of chaos and serenity Arc 4: dreams 65
  11. Seeds of chaos and serenity Arc 5: stars 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di reira » pubblicata il 23.04.2017. Articolo letto 308 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.