Cellador «Off The Grid» (2017)

Cellador «Off The Grid» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
01.04.2017

 

Visualizzazioni:
200

 

Band:
Cellador
[MetalWave] Invia una email a Cellador [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cellador [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Cellador

 

Titolo:
Off The Grid

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
Chris Petersen :: Guitars, Bass, Vox
Diego Valadez :: Keyboards
Nick McCallister :: Drums
Eric Meyers :: Guitars

 

Genere:
Melodic Speed Metal

 

Durata:
42' 6"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
10.03.2017

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Decisamente non male questo secondo album della band power metal dal Colorado chiamata Cellador, che in 42 minuti circa riesce a proporci un Power decisamente metal-oriented, spesso incrociato con lo speed metal e comunque sempre a tiro e personale, per via dell’intelligenza della band, che riesce ad alternare e bilanciare le proprie influenze in maniera ottimale.
Se infatti le prime due canzoni mostrano uno speed/power che deve qualcosa ai Judas Priest, è da “Shadowfold” in poi che le cose si fanno più personali, con un inizio poco melodico e a cui si affianca invece un ritornello decisamente da defenders, così come in “Wake up the tyrant”, mentre i passaggi di assoli tra chitarra e tastiera rendono la title track più tendente al prog (sempre comunque orientato al power metal), e “Swallow your pride” più da moshpit. Solo da qui in poi le influenze alla Judas Priest ritornano, fino a farsi un po’ da parte nella più personale e forse migliore di tutte “Running Riot”, dove il cantante mostra una suona forma strepitosa e ci regala ciò che è una tra le partiture migliori dell’album, il tutto su un disco che rifugge del tutto gli stereotipi da “power metal per anime giapponesi”, modernerie varie, o anomale incursioni in generi musicali più estreme e quindi fuori contesto, e che invece brilla sia per capacità tecnica nelle canzoni, sia per un istinto speed/power davvero lodevole e che rende il disco tutt’altro che monodirezionale.
In conclusione: gustoso, godibile e trascinante. Questo è “Off the grid” dei Cellador, un disco ideale se la vostra passione musicale sta tra il metal classico old school e il power metal.

Track by Track
  1. Soul Survivor 80
  2. Break heresy 75
  3. Shadowfold 80
  4. Wake up the tyrant 80
  5. Off the grid 75
  6. Swallow your pride 80
  7. Shimmering status 80
  8. Good enough 70
  9. This means war 80
  10. Running riot 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 01.04.2017. Articolo letto 200 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.