Francesco Fareri «Universal Collision» (2016)

Francesco Fareri «Universal Collision» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
16.03.2017

 

Visualizzazioni:
177

 

Band:
Francesco Fareri
[MetalWave] Invia una email a Francesco Fareri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Francesco Fareri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Francesco Fareri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Francesco Fareri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Francesco Fareri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Francesco Fareri [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Francesco Fareri

 

Titolo:
Universal Collision

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Francesco Fareri :: Composer

 

Genere:
Progressive Metal / Neo-Classical / Shred

 

Durata:
44' 21"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2016

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Complesso, ma apprezzabile questo quinto album solista di Francesco Fareri, chitarrista che per tutto l’album insiste su delle sonorità più prog che metal e costantemente strumentali, con un paio di incursioni meno distorte e funamboliche che rendono “Universal collision” meno saturo di note e di conseguenza più digeribile.
Il punto di forza di quest’album è proprio dato da questo stile sempre funambolico ma anche caratterizzato da alcuni stacchi spiazzanti, come quello a metà della title track, che spezza un ritmo molto prog metal, mentre “Virtual mind” invece alterna parte dove gli strumenti ritmici sono più in risalto, ma con la chitarra solista che poi riprende il suo trono a 2:25 con un interessante shred. Sempre il basso fa un ottimo lavoro in “Theory of opposites”, dove si alternano per tutto il tempo degli interessanti botta e risposta tra chitarra con diverse distorsioni e basso, per poi affondare il colpo su shreds folli nelle canzoni conclusive, direi dalla nona canzone (con qualche linea melodica alla Steve Vai) fino alla fine dell’album, la cui traccia conclusiva è un outro solo per chitarra solista abbastanza breve.
In conclusione: nonostante “Universal collision” sia molto tecnico e shred oriented, e quindi per questo a volte non digeribile da tutti, resta comunque un album più che apprezzabile per la sua vena funambolica e comunque non monodirezionale. Consigliabile per chi cerca un disco con una buona chitarra solista in azione.

Track by Track
  1. Universal Collision 80
  2. Virtual mind 75
  3. Deep sea 75
  4. Alone 75
  5. Crystal space 75
  6. Theory of Opposites 80
  7. Parallel Lines 80
  8. Abstract view 75
  9. Between You and Me 80
  10. Black Synthesis 75
  11. Golden jail 75
  12. Sweepey todd - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 16.03.2017. Articolo letto 177 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.