Noise From Nowhere «This World So Sick» (2016)

Noise From Nowhere «This World So Sick» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
16.03.2017

 

Visualizzazioni:
98

 

Band:
Noise From Nowhere
[MetalWave] Invia una email a Noise From Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Noise From Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Noise From Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Noise From Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Noise From Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Noise From Nowhere

 

Titolo:
This World So Sick

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Sim Reda :: Guitars, vocals
Marco Reda :: Vocals, drums
Cristiano Colangeli :: Guitars
Valeria Scaparro :: Bass

 

Genere:
Post Grunge / Alternative Metal

 

Durata:
36' 27"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
09.12.2016

 

Etichetta:
Thisiscore Label
[MetalWave] Invia una email a Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Thisiscore Label

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
PR Lodge Music Promotion
[MetalWave] Invia una email a PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di PR Lodge Music Promotion

 

Recensione

Sarà anche il loro disco di debutto, sarà anche un po’ troppo monodirezionale in tutti e 10 i brani, ma “This world is so sick” dei Romani Noise from Nowhere rappresenta un eccellente esempio di Alternative Metal/Rock pienamente consigliabile per chi ama le sonorità di gruppi come ad esempio gli Staind o anche qualcosa dei Nickelback più duri.
Davvero, basta poco a convincerci della classe di questi ragazzi: prima una “Give it up” un po’ radiofonica ma invero molto godibile, e poi tre brani di fila davvero ispirati, grintosi e interessanti, magari che puntano sullo stesso chiodo, ma finché la qualità è questa, poco ce ne importa. Poi va anche detto che in realtà il disco ci prova anche un po’ a discostarsi da certe sonorità, con un bell’assolo nella quinta canzone, più durezza nella settima, e alcune influenze più metalcore nella voce e nella batteria nell’ultimo brano, e ci sono anche episodi un po’ meno riusciti come la power ballad non molto ottimale come “Hopeless”, ma il tiro del disco resta alto per tutto il tempo, frutto di una band che sa come esprimersi e non lascia il proprio obiettivo finché l’ultima nota dell’album non è esalata.
Insomma: “This world is so sick” è pienamente riuscito, con alcuni punti di sviluppo, ma comunque che mi ha stupito per come la band ha messo a fuoco il suo obiettivo e per come ha chiari i binari su cui muoversi. Se siete fans dell’alternative americano degli anni 2000 a metà tra il rock e il metal, questo disco rappresenta un acquisto davvero indicato.

Track by Track
  1. Give it up 75
  2. Waiting despite this 80
  3. This world’s so sick 80
  4. Believe 80
  5. Demons in my bed 80
  6. Run away 75
  7. The Game 75
  8. The Right Chance 80
  9. Hopeless 70
  10. All The Rage 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 16.03.2017. Articolo letto 98 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.