Saviour «Let Me Leave» (2017)

Saviour ĞLet Me Leaveğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
03.03.2017

 

Visualizzazioni:
208

 

Band:
Saviour
[MetalWave] Invia una email a Saviour [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Saviour

 

Titolo:
Let Me Leave

 

Nazione:
Australia

 

Formazione:
Shontay Snow - Vocals/Keys
Bryant Best - Vocals
Lyndsay Antica - Guitar
Daniel Reesy - Guitar
Tylar Rettig - Bass
Jordan Mather - Drums

 

Genere:
Heavy Melodic

 

Durata:
40' 25"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.01.2017

 

Etichetta:
UNFD
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di UNFD [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di UNFD

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Rude PR
[MetalWave] Invia una email a Rude PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rude PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rude PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rude PR

 

Recensione

Una band che arriva dalla lontana Australia e che propone un nuovo album carico di messaggi ed esperienze personali, attraverso un sound molto particolare.
I Saviour sono originali già per formazione e, sebbene non abbiano inventato realmente nulla, hanno azzeccato il colpo con questo Let Me Leave.
Ci sono tutta una serie di elementi che mi hanno colpita sin dal primo ascolto con una positività totalizzante.
Già di mio, apprezzo molto il connubio tra voci femminili e maschili, ma qui ci troviamo davanti a pura poesia: lo screaming di Bryant e la voce eterea di Shontay si intrecciano perfettamente creando il giusto equilibrio, la perfetta coesistenza che allontana dal rischio di annoiarsi durante l'ascolto.
Altro aspetto è relativo alla musicalità, alla melodia che rimane una base costante e piacevole.
Le dieci tracce sono ben fatte e talmente personali che non saprei accostarle facilmente a un genere o a un'altra band conosciuta. Questo è un bene.
L'interpretazione delle tematiche affrontate è orientata alla positività, alla liberazione, come dice il titolo dell'intero album.
Forse le uniche due pecche sono la durata un pò breve di tutto il disco e il fatto che il sito ufficiale dei Saviour non è fatto con altrettanta cura.
Tutto qui, comunque.
Da parte mia, posso solo consigliarvi questa band molto poco conosciuta da noi.
Probabilmente, la musica dei Saviour è più adatta a orecchie legate al gothic, al metal più melodico, tuttavia potrebbe davvero stupirvi.
Un pò come è accaduto a me.

Track by Track
  1. April 80
  2. All I am you 80
  3. The quiet calm 80
  4. The pressure and Composure 80
  5. The cool calm 80
  6. Forget me 80
  7. Like this 80
  8. The low in hello 80
  9. Wildfire 80
  10. Little birds 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di reira » pubblicata il 03.03.2017. Articolo letto 208 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.