Sinatras «Drowned» (2017)

Sinatras «Drowned» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
03.03.2017

 

Visualizzazioni:
1030

 

Band:
Sinatras
[MetalWave] Invia una email a Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Sinatras [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Sinatras

 

Titolo:
Drowned

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Fla Sinatra :: Vocals;
- Lele Sinatra :: Guitars;
- Minkio Sinatra :: Guitars;
- Lispio Sinatra :: Bass;
- Pisto Sinatra :: Drums;

 

Genere:
Death'n'Roll

 

Durata:
44' 56"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
06.01.2017

 

Etichetta:
Logic(iL)Logic
[MetalWave] Invia una email a Logic(iL)Logic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Logic(iL)Logic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Logic(iL)Logic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Logic(iL)Logic

 

Distribuzione:
Andromeda Distribuzioni Discografiche
[MetalWave] Invia una email a Andromeda Distribuzioni Discografiche [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Andromeda Distribuzioni Discografiche [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Andromeda Distribuzioni Discografiche

 

Agenzia di Promozione:
Atomic Stuff
[MetalWave] Invia una email a Atomic Stuff [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Atomic Stuff

 

Recensione

Album di debutto per i vicentini Sinatras, già noti sulla scena underground nazionale per l’incredibile successo del loro primo Ep Six Sexy Song datato 2015 ed oggi di nuovo in primo piano per il nuovissimo “Drowned”, dove undici tracce a base di death thrash realizzate nella miglior maniera, uniformano una miscela esplosiva pregna di groove e annesse compagini di death’n’roll. Come avevamo già avuto modo di osservare il sound della band è assolutamente preciso e brillante ricco di influenze death thrash oltre che metalcore e non privo di alcuni passaggi più melodici; l’ascolto offre oltretutto un’ulteriore conferma della bravura del quintetto nel momento in cui ci si sofferma su alcuni passaggi maggiormente tecnici dai quali non tarda ad emerge tutta la personalizzazione dello stile di questa band. Incredibile la presa che fanno questi brani dal primo all’ultimo, senza alcuna eccezione, sia per la compattezza del sound che per la perfetta coesione tra tutti gli strumenti a cominciare dalle ritmiche fra accelerazioni e rari contesti moderati, i pazzeschi groove e l’immancabile growl non troppo rauco ma cattivo quanto basta. “Drowned” fa gli onori di casa come titletrack con tutta la potenza possibile materializzata con un thrash death moderno e irresistibile nei contenuti; la successiva “24/7” tramortisce non poco l’ascoltatore con le sue andature e l’incredibile presa ritmica coinvolgente al massimo; “Cockroach” robusta nelle dinamiche ma meno accelerata delle precedenti; da brividi l’esecuzione di “Something to Hate” dove cattiveria e potenza la fanno da padroni assoluti e dove emerge quel tocco di personalità che la band lascia con discrezione trapelare; splendida anche la parodia di “Flow” dove il growl si trasforma in un clean acerbo e delicato supportato da una struttura ritmica da alti livelli; segue poi la cover dei Dead or Alive “You Spin Me Round (Like a Record)” che anticipa la successiva “Los 43” un brano dinamico la cui apertura ci ricorda un po’ i BLS che ma che ben presto decolla nella sua inarrestabile miscela thrash death; “Miss Athropy” veloce e schietta come una ghigliottina pronta per presentarci “Black in Frank” altro sublime lavoro un po’ alla Pantera ma con dei groove da scuola. “Blind Fury” e “Spiral Hell” concludono il platter confermandoci l’ottima impressione dataci con l’Ep ma qui nettamente superata dalla perfezione.

Track by Track
  1. Drowned 85
  2. 24/7 85
  3. Cockroach 85
  4. Something to Hate 80
  5. Flow 80
  6. You Spin Me Round (Like a Record) S.V.
  7. Los 43 85
  8. Miss Anthropy 85
  9. Back in Frank 90
  10. Blind Fury 85
  11. Spiral Hell 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
85

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 03.03.2017. Articolo letto 1030 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.