Deadsoil «Sacrifice» (2006)

Deadsoil «Sacrifice» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ernando »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
489

 

Band:
Deadsoil
[MetalWave] Invia una email a Deadsoil [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Deadsoil [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Deadsoil

 

Titolo:
Sacrifice

 

Nazione:
Germania

 

Formazione:
Friedrich Weber - Vocals
Boris Pracht – Guitar
Jens Basten - Guitar
Andreas Schueßler – Bass
Christian Baß – Drums

 

Genere:

 

Durata:
42' 3"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Secondo full-lenght per i Deadsoil, gruppo tedesco che annovera nella sua line-up due ex membri dei Night in Gales, Jens Basten e Christian Baß, band dedita ad un Death melodico sulla scia degli In Flames e dei Dark Tranquillity che ricevettero un discreto successo alla fine della scorsa decade con Towards the Twilight, e da cui si sono discostati verso un metalcore “più alla moda”, anche se ormai largamente inflazionato. E’ da sottolineare che i nostri cinque giovani teutonici si avvicinano più al metal che all’hardcore e lo si nota da una maggiore varietà nei riff, sempre taglienti come rasoiate, e dalla presenza di soluzioni meno stereotipate, con assoli di chitarra riconducibili al vecchio combo, come nelle songs These Stings e Echoes; le vocals, eccezion fatta per alcuni sporadici ed isolati casi, è quella tipica dello sludge edge stile Earth Crisis, Pro-Pain, Hatebreed e scuola hardcore metallizzato americano made in New Orleans, tanto per intenderci. Nelle loro influenze sono chiaramente percepibili anche echi di Machine Head, Crowbar, Slayer di Diabolus in Musica e God Hates Us All e, in minima parte, Pantera. Quindi, ispirati molto anche dal Death metal, i nostri picchiano dall’inizio alla fine con continuità di sorta, sputando con classe tutta la rabbia che contraddistingue il genere. Certamente da questo lavoro non si potrà richiedere un’innovazione del genere, ma si potrà gustare un buon album in linea con quanto inciso finora e che farà la gioia degli amanti di queste sonorità.

Track by Track
  1. Unspoken 68
  2. Cross the Great Divide 70
  3. The Day I Die 69
  4. These Stings 72
  5. Viper 68
  6. Forget Everything 66
  7. Echoes 73
  8. Remembrance 67
  9. Collapse 64
  10. Ultimate Domination 66
  11. True Belief 64
  12. Sacrificed 67
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Ernando » pubblicata il --. Articolo letto 489 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.