Dark Lunacy «The Rain After the Snow» (2016)

Dark Lunacy «The Rain After The Snow» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Ladystardust »

 

Recensione Pubblicata il:
22.11.2016

 

Visualizzazioni:
1361

 

Band:
Dark Lunacy
[MetalWave] Invia una email a Dark Lunacy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dark Lunacy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dark Lunacy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Dark Lunacy

 

Titolo:
The Rain After the Snow

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mike Lunacy – voce
Davide Rinaldi – chitarra
Jacopo Rossi – basso, piano
Marco Binda – batteria

 

Genere:
Symphonic / Dramatic Death Metal

 

Durata:
40' 47"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
11.11.2016

 

Etichetta:
Fuel Records
[MetalWave] Invia una email a Fuel Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Fuel Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Fuel Records

 

Distribuzione:
Self Distribuzione
[MetalWave] Invia una email a Self Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Self Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Self Distribuzione

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

“The Rain After The Snow”, è il sesto album dei Dark Lunacy ed è il risultato di un anno intenso di lavoro per rendere attuali le sonorità degli esordi.
Il disco è stato scritto e prodotto da Jacopo Rossi, interpretato da Mike Lunacy.
I Dark Lunacy si apprestano a pubblicare il loro sesto full length, da loro stessi definito come l'album più ambizioso della loro carriera, per la realizzazione del quale è stata registrata una corale di 40 persone, oltre al classico quartetto d'archi ed il pianoforte a coda.
Le tematiche dell’album sono prevalentemente di stampo introspettivo, parlano della crudeltà della vita, della durezza della verità e dell’inesorabilità del tempo. Il titolo dell’album racchiude con una metafora lo spirito dell’intero lavoro: la neve e la pioggia, viste come dono e privazione del medesimo, rappresentano le cose belle dell’esistenza, concesse e poi portate via dalla natura che, sadica ed impietosa, regala e poi toglie.
La band symphonic/melodic death metal attiva dal 1997, il loro sound è stato caratterizzato dalla commistione di elementi di musica classica con parti death metal di matrice nordeuropea, facendoli rientrare, tra i pionieri di un genere che si è sviluppato negli anni successivi. In quasi vent'anni di carriera la band ha raccolto numerosi consensi all'estero con album apprezzati e distribuiti in tutto il mondo e con una forte fanbase in Messico e Giappone, paesi nei quali le loro esibizioni sono molto richieste.
“The Rain After The Snow” è il loro nuovo lavoro, un album di alto livello sia qualitativo a livello di produzione che musicale, caratterizzato da armonie classiche ed orchestrali combinati con il tipico suono del death metal.
Degna di nota, più delle altre tracce che questo piccolo capolavoro contiene, è “Precious Things” con l’intro di coro e pianoforte, divenendo via via un brano oscuro e suggestivo, quasi sognante.
Quest'ultimo lavoro dei Dark Lunacy è un disco da scoprire man mano che lo si ascolta più volte, un album che ci mette a confronto con le nostre paure recondite e che ci trascina in una realtà parallela composta da oscurità quasi rassicuranti.

Track by Track
  1. Ad Umbra Lumen 75
  2. Howl 75
  3. King With No Throne 80
  4. Gold, Rubies and Diamonds 75
  5. Precious Things 80
  6. Tide Of My Heart 80
  7. The Rain After The Snow 80
  8. Life Deep in The Lake 75
  9. The Awareness 80
  10. Fragments Of A Broken Dream 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Ladystardust » pubblicata il 22.11.2016. Articolo letto 1361 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.