Ancillotti «Strike Back» (2016)

Ancillotti «Strike Back» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
04.11.2016

 

Visualizzazioni:
1112

 

Band:
Ancillotti
[MetalWave] Invia una email a Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Ancillotti [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ancillotti

 

Titolo:
Strike Back

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Bid :: Bass
Brian :: Drums
Ciano :: Guitars
Bud :: Vocals

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
47' 38"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
16.09.2016

 

Etichetta:
Pure Steel Records
[MetalWave] Invia una email a Pure Steel Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pure Steel Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Pure Steel Promotion
[MetalWave] Invia una email a Pure Steel Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pure Steel Promotion

 

Recensione

Leggi il nome Ancillotti sulla copertina e sai che non ti puoi sbagliare.
Questo è “Strike Back”, il secondo album dell’incarnazione più rockeggiante e meno metal (ma un po’ c’è sempre) di Bud Ancillotti, che condensa 47 minuti e mezzo in 11 canzoni più intro di durata, e che deve tutta la sua riuscita ad una sola cosa: vivacità, positività del songwriting e una ispirazione generale che rende “Strike back” pieno di una Joie de Vivre che si ascolta sin dal primo assolo di “To hell with you”, che prosegue nella cantabilissima “Fight” e nella rockeggiante “When night calls”, proseguendo anche nella migliore di tutte “Burn witch burn” che consiste in una ottima rilettura dei Motorhead secondo il gusto musicale degli Ancillotti, e arrivando a riempire di vivacità anche la ballad “Lonely road” (è una ballad ma è tutt’altro che il solito lentone stracciamaroni) e l’attacco speed “The hunter”, graziato da due canzoni che sono tutte un programma sin dal titolo: “Life is for living” e “Never too late”. Il tutto con il mitico Bud che non perde un colpo, con la sua voce melodica sulle tonalità alte e con dei musicisti sempre di spicco. Il tutto rende “Strike back” un cd che semplicemente scende giù che è un piacere proprio per le capacità tecniche e il mood luminoso che lo ammanta.
Non c’è molto altro da dire. Ascoltare “Strike Back” e non rimanere estasiati da questo stile entusiasmante, pepato e con l’argento vivo addosso per me non è possibile o quasi. Acquisto obbligatorio per gli amanti del metal classico, e consigliato anche ai fan degli altri tipi di metal.

Track by Track
  1. Intro S.V.
  2. To hell with you 90
  3. Immortal Idol 85
  4. Fight 90
  5. Firestarter 70
  6. The beast is rising 85
  7. When night calls 90
  8. Burn witch burn 95
  9. Lonely road 90
  10. Life is for living 85
  11. Never too late 90
  12. The hunter 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 95
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
88

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 04.11.2016. Articolo letto 1112 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.