Night Gaunt «Jupiter's Fall» (2016)

Night Gaunt «Jupiter's Fall» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.09.2016

 

Visualizzazioni:
734

 

Band:
Night Gaunt
[MetalWave] Invia una email a Night Gaunt [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Night Gaunt [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Night Gaunt

 

Titolo:
Jupiter's Fall

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Araas :: Bass;
- Gc :: Guitar, Vox;
- Zenn :: Guitar;
- Kelèvra :: Drums;

 

Genere:
Doom Metal

 

Durata:
11' 2"

 

Formato:
Vinile 7"

 

Data di Uscita:
10.08.2016

 

Etichetta:
Temple of Mistery Records
[MetalWave] Invia una email a Temple of Mistery Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Temple of Mistery Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Abyssal Warfare Promotion
[MetalWave] Invia una email a Abyssal Warfare Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Abyssal Warfare Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Abyssal Warfare Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Abyssal Warfare Promotion

 

Recensione

I Night Gaunt, band romana la cui formazione risale al 2013, nasce dalle ceneri degli Hypnos ed a distanza di un anno dall’uscita del primo full lenght, rilasciano oggi questo Ep 7’’ a due tracce in vinile in serie limitata facendoci assaporare due loro brani di recente incisione. Il duetto viene proposto nel loro Doom Metal ispiratore di band quali Candelmass e Celtic Frost, che va sostanzialmente a generare atmosfere nitide sotto il profilo auditivo pur essendo capeggiate da un sound oscuro e funereo. La voce nitida in modalità clean e il perpetuarsi di consistenti apparati melodici, tendono ad elevare questi due brani ai precedenti rilasciati dalla prima uscita. Primo brano lato A è “Jupiter’s Fall” che si ispira sostanzialmente ad un racconto di Edgar Allan Poe capace di rilasciare una melodia lenta ed oscura; segue il successivo “Penance”, altro doom all’interno del quale a fare da padrone è la buona interpretazione vocale e la ritmica che in alcuni momenti si accelera rendendo il tutto decisamente particolare. Un lavoro che, seppur proposto in due sole tracce in formato 7’’, tende a promettere bene anche per la realizzazione di un prossimo e futuro full lenght.

Track by Track
  1. Jupiter's Fall 80
  2. Penance 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.09.2016. Articolo letto 734 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.